BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Quota 96: novitÓ, ultime e ultimissime notizie oggi mercoledý 22 Ottobre 2014

Nulla sui Quota 96 della scuola nella nuova Legge di StabilitÓ e si spera in nuovi emendamenti nelle nuove discussioni parlamentari




Nulla sui Quota 96 della scuola nella nuova Legge di Stabilità e si spera che nelle discussioni parlamentari di questi giorni vengano presentati nuovi emendamenti che aprano il pensionamento ai 4mila lavoratori della scuola ancora in attesa di congedo da oltre due anni. E intanto sul gruppo di Facebook dei Quota 96 si stanno raccogliendo adesioni per presidi e richieste da presentare al premier Renzi e Laura Puppato, senatrice del Pd, ha presentato un’interrogazione in cui riporta ‘Il sistema di calcolo dei PIL europei è stato aggiornato, con il sistema Sec2010 che ha modificato le stime del rapporto deficit/PIL dal 3% al 2,8%. Quindi, l’Italia recupera questo 0,2% che può investire, che corrisponde, secondo le stime più pessimistiche, a 1,5 mld di euro. L’interrogazione propone di utilizzare parte di questi fondi per sanare l’errore della legge Fornero e garantire il pensionamento per i quota96. E’ di oggi peraltro, un aggiornamento positivo sul dato degli interessi sul debito pubblico, che fa ammontare a 6mld di euro il risparmio previsto’.

Ma ha anche precisato che non è ancora arrivata alcuna risposta da parte del governo e, in merito ad eventuali modifiche sulla riforma pensioni Fornero, ha dichiarato: “Credo che la cosa importante sia migliorarla in seno alla flessibilità di uscita, anche in virtù dell’usura presente in alcuni lavori. Dobbiamo inserire, oltreché parametri quantitativi, anche parametri qualitativi, ma la cosa più importante è creare prima le premesse necessarie a far ripartire l’economia, fintanto che non si tornerà a crescere sarà difficile ipotizzare interventi importanti sul sistema pensionistico”.

Un comunicato diffuso dalla Cobas-Cgil riporta inoltre ‘E' sconcertante l'assenza di misure in favore dei lavoratori che hanno perso il posto di lavoro. Il Governo ha dimenticato ancora una volta i problemi che da anni interessano centinaia di migliaia di lavoratori nonostante le promesse e le aperture fatte nei mesi scorsi in favore dei quota 96 della scuola, degli esodati e dei lavoratori penalizzati per l'accesso alla pensione anticipata prima dei 62 anni’.
 

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il