BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus bebè 80 euro al mese e detrazioni tasse famiglie 2015 Governo Renzi: per chi, come funziona, fasce di reddito, da quando

Bonus di 80 euro esteso anche alle mamme per i primi tre anni di vita del figlio: la novità della Legge di Stabilità 2015.




Bonus da 80 euro per i primi tre anni di vita del bambino valido per tutte le mamme e i papà: mentre oggi, lunedì 20 ottobre, la nuova Legge di Stabilità arriva sul tavolo del capo dello Stato, Giorgio Napolitano, il premier Renzi, ieri ospite di 'Domenica Live' su Canale 5 condotto da Barbara D'Urso, annuncia l'estensione del beneficio degli 80 euro ad una platea più ampia. Insieme al bonus di 80 euro in busta paga, il premier conferma che nella Legge di Stabilità ci sono anche 500 milioni per le famiglie. Il bonus per le mamme è stato accolto con favore, ma è delusione da parte dei pensionati.

L'aumento degli 80 euro era stato, infatti, annunciato dallo stesso premier Renzi qualche mese fa, prima dell'estate, proprio per i pensionati che percepiscono assegni minimi. La misura sarebbe dovuta arrivare nel 2015 e quindi essere contenuta nella nuova Legge di Stabilità.

Ma, chiaramente, come ben sappiamo di aumenti per i pensionati nemmeno l'ombra. Plaudono però le mamme: la misure del bonus per i figli nasce infatti per spingere di nuovo la natalità in Italia. Renzi ha infatti chiaramente detto che nel nostro Paese non si fanno più figli, colpa della paura che attanaglia i giovani timorosi di non riuscire a mantenere i propri figlie.

E allora, perchè non sostenerli nel sogno di metter su famiglia? Il premier Renzi ha annunciato: “Dal prossimo anno con il mezzo miliardo di euro che abbiamo messo sulla famiglia metteremo un contributo di 80 euro alle neomamme per ogni figlio fino a tre anni di vita. Il segnale di speranza che l’Italia riparte da una famiglia che finalmente mette al mondo un figlio”. Il bonus per le famiglie dovrebbe essere valido per quelle con redditi fino a 90mila euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il