BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni, indulto, amnistia, bonus bebè 80 euro figli, partita iva minimi nuova, Legge Stabilità: novità oggi Renzi

Cosa cambia con Legge di stabilità e novità ancora possibili per pensioni, fisco, emergena carceraria in Italia: situazione e previsioni




Novità e ultime notizie ad oggi mercoledì 22 Ottobre 2014 sui temi più importanti che sta affonrtano il Governo Renzi.

L’attesa, dopo la presentazione della nuova Legge di Stabilità, che si prepara ad approdare in Parlamento dopo il parere da parte del presidente della Repubblica Napolitano, è per capire quali cambiamenti possano essere previsti, forse a partire dalle pensioni. Molti tra lavoratori e pensionandi attendevano interventi sull’attuale riforma pensioni nella Legge di Stabilità, interventi di cui in questi mesi si è tanto parlato e discusso che si pensava potessero, finalmente, arrivare per rendere più flessibile e sostenibile un sistema che necessita effettivamente di cambiamenti. Ma nulla è stato fatto e ora si auspicano nuovi possibili emendamenti per uscita anticipata dal lavoro rispetto agli attuali requisiti, nonché di pensionamento per i 4mila di Quota 96 della scuola.

Rispetto alle misure annunciate nella nuova Legge di Stabilità, ieri, ospite di Domenica Live condotto da Barbara D’Urso, il presidente del Consiglio Renzi ha chiaramente annunciato l’estensione del bonus degli 80 euro in busta paga per le neomamme, bonus che sarà erogato fino al terzo anni di vita del proprio figlio. Il bonus dovrebbe valere per coloro che guadagnano fino a 90mila euro.

Renzi ha spiegato: “Dal prossimo anno con il mezzo miliardo di euro che abbiamo messo sulla famiglia metteremo un contributo di 80 euro alle neomamme per ogni figlio fino a tre anni di vita. Il segnale di speranza che l’Italia riparte da una famiglia che finalmente mette al mondo un figlio”. Novità previste anche per la scuola, per cui sono stati stanziati fondi per la stabilizzazione dei precari con 150mila assunzioni previste.

Ma non solo: novità previste per partite Iva e regimi dei minimi e la lotta all’evasione fiscale. Matteo Renzi precisa: “non si fa con la multa al cliente che esce dal negozio ma con l’incrocio della banche dati”, meccanismo che nasce dal lavoro dello spesometro, nato proprio per stanare gli evasori fiscali grazie agli archivi finanziari. Nulla di nuovo ancora per quanto riguarda le misure di indulto e amnistia sul quale il ministro Orlando ha recentemente chiarito che servono soluzioni alternative per risolvere definitivamente e in maniera strutturale l’emergenza carceraria in Italia.

Secondo Orlando, “L’aumento dei detenuti non è dovuto a un aumento dei reati, ma a una scelta politica. L’Italia ha deciso di aumentare il ricorso al carcere per droga e immigrazione. Meglio puntare sulla pena in comunità, sui lavori di pubblica utilità. Con Regioni e Comuni rimoduleremo il piano carceri, anche per cogliere l’occasione urbanistica legata a immobili di grande valore. Io sono per chiudere le carceri ottocentesche con i raggi, come San Vittore, non per riaprirlo altrove ma per sostituirlo con un carcere più piccolo fuori Milano”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il