BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini e donne governo Renzi: riforma, novità ancora da Poletti, Damiano, Di Maio ma Ministro Padoan si schiera contro

Il governo Renzi ha deluso le aspettative di chi credeva nella riforma delle pensioni. Il ministro Padoan frena le speranze di cambiare la manovra finanziaria.




La partita della riforma delle pensioni non finisce con la manovra finanziaria presentata dall'esecutivo. Già, perché e a ben vedere non ci sono grandi passi in avanti. Chi è alla ricerca di pensioni novità o di pensioni ultime notizie non può che rimanere deluso.

Il governo Renzi non ha infatti previste quelle misure ipotizzate alla vigilia, come l'allargamento del metodo di calcolo contributivo anche agli uomini in attività, il ponte previdenziale per consentire agli over 50 senza lavoro di congedarsi senza gravare sulle casse dello Stato, l'uscita anticipata con maggiore flessibilità rispetto ai vincoli della legge Fornero.

Ecco allora che Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro della Camera dei deputati e già depositario di una proposta di legge sulla riforma delle pensioni in Italia, tuona: "Se la manovra vuole avere carattere espansivo e sociale dovrà contenere risorse aggiuntive per gli ammortizzatori sociali, uno sconto strutturale sul costo del lavoro a tempo indeterminato per le nuove assunzioni e non dimenticare il tema delle pensioni. Introdurre un criterio flessibile di uscita dal lavoro a partire dai 62 anni risolverebbe molti drammatici problemi sociali e, con il turnover, favorirebbe l'assunzione dei giovani".

E se il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti continua a tenere la porta aperta al (moderato) cambiamento, il collega all'Economia Pier Carlo Padoan invita a non coltivare speranze eccessive. D'altronde è la stessa Unione Europea - fa notare - a frenare sulla revisione delle attuali regole sulla pensioni. Su tema della previdenza è intervenuto anche Luigi Di Maio, deputato del Movimento 5 Stelle, che ha detto sì all'abolizione degli assegni d'oro e all'innalzamento delle pensioni minime.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il