BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sciopero treni oggi venerdì 24 Ottobre 2014: Trenitalia, Trenord, locali, regionali, interregionali, Italo, Frecce. Orari

Giornata di sciopero generale quella di venerdì 24 ottobre. Variazioni e cancellazioni di treni regionali e suburbani per Trenord.




Guai in vista per il trasporto pubblico locale a causa dello sciopero di venerdì 24 ottobre 2014. A proclamarlo sono stati l'USB (Unione Sindacale di Base) e l'Orsa (Organizzazione sindacati autonomi e di base) che si sono accodati alla manifestazione di protesta contro l'abolizione dell'articolo 18 dello statuto dei lavoratori e più in generale contro le misure contenute nel Jobs Act del governo Renzi.

Nel dettagli incrocerà le braccia il personale del settore ferroviario e trasporto merci, appartenente al sindacato Orsa, del Gruppo FSI, di NTV, di Trenord per 8 ore dalle 9 alle 17. Per gli aderenti all'USB) tutto fermo per l'intera giornata nei settori aereo e marittimo, dalle 9 alle 17 per quello ferroviario, modalità differenti per il trasporto pubblico locale (sono escluse le città di Perugia e Torino) e per il trasporto merci, Infine, astensione dal lavoro del personale Anas per l'intero turno dalle 6.

A Roma la circolazione è garantita da inizio corsa alle 8.30 e dalle 17 alle 20. A Milano da inizio corsa alle 8.45 e dalle 15 alle 18, a Napoli fino alle 8 e dalle 14.30 alle 17.30.

Disagi anche per Trenord, per cui bisogna mettere in conto modifiche alla circolazione ovvero variazioni e cancellazioni di treni regionali e suburbani. Il servizio aeroportuale Malpensa Express e il collegamento Malpensa Aeroporto-Bellinzona verrà effettuato con autobus sostitutivi per i treni non effettuati. Trenor fa presente come non saranno coinvolte le fasce orarie di garanzia ma potrebbe esserci disagi prima dello sciopero e alla ripresa del servizio. Per verificare l'andamento della circolazione in tempo reale è possibile consultare pagine online delle diverse linee o le comunicazioni via Twitter.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il