BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Partita IVA regime dei minimi 2015 nuovo: chi, quando, condizioni e requisiti per ottenere e convenienza. Calcolo tasse

Nuovo regime dei minimi per le partite IVA previsto con la legge di stabilità. Condizioni agevolate in base alle soglie di reddito da 15.000 a 40.000 euro.




Con la legge di stabilità cambiano le regole sul regime dei minimi delle partite IVA. Possono aderire i lavoratori autonomi che, in base al tipo di attività e nel corso del 2014, non hanno superato i limiti di fatturazione previsti. Queste possono variare da 15.000 a 40.000 euro annui di ricavi o compensi. Cambia anche l'aliquota, ora al 15%, sulla base alla rendita variabile immaginata fra il 40 e l'86%. E ancora, il tetto di spese per il personale non può essere maggiore di 5.000 euro annui e il valore lordo dei beni strumentali di 20.000 euro di patrimonio al 31 dicembre.

I gruppi individuati dal governo Renzi sono 9. Il calcolo del valore reddituale segue un criterio forfettario con l'applicazione di un coefficiente di redditività sul totale dei ricavi. La sola deduzione ammessa dal reddito è relativa ai contributi previdenziali versati nell'anno.

Al reddito si applica così un'imposta sostitutiva di Irpef, addizionali e Irap pari al 15%. Per i primi tre anni il reddito imponibile può essere ridotto in maniera forfettaria di un terzo. Per il versamento dell'imposta sostitutiva occorre seguire le disposizioni previste per l'Irpef.

Critico Nicola Piccinini, presidente dell'Ordine degli Psicologi del Lazio: "In questo Paese piove sempre sul bagnato. Viene da pensare questo leggendo le novità previste dalla legge di stabilità sul regime dei minimi delle partite IVA: l'innalzamento dell'aliquota Irpef dal 5% al 15% per questo regime fiscale rischia, infatti, di colpire migliaia di professionisti, nella quasi totalità dei casi giovani". A suo dire, "queste misure rischiano di creare un danno enorme e una difficoltà per molti letale: colpiscono professionisti già tartassati da tutta una serie di costi insostenibili, da un mercato in contrazione".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il