BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, vecchiaia, donne, uomini Governo Renzi: riforma, novità partiti con proposte da inserire in Manovra

Continua a tenere banco la questione della riforma delle pensioni. Già si parla di emendamenti alla legge di stabilità. Critiche sullo slittamento dell'erogazione degli assegni al 10 di ogni mese.




La questione principale nel dibattito sulla riforma delle pensioni è rappresentato dalla proposta del governo di uniformare al 10 di ogni mese l'erogazione dell'assegno previdenziale. Il problema si pone per chi, abituato a riceverlo 10 giorni prima, si trova in difficoltà in sede di scadenze e di impegni di pagamento. E anche se l'Inps rassicura sulla gradualità dell'implementazione, l'esecutivo potrebbe fare marcia indietro. I sindacati Cgil Cisl e Uil sono sul piede di guerra e parlano di "vero e proprio accanimento nei confronti degli anziani" da parte del governo.

Sul tema pensioni è intervenuta anche Elsa Fornero, ministro del Lavoro nel governo Monti. Intervistata dal quotidiano la Repubblica, propone di tornare al contributo di solidarietà sulle pensioni alte, "misura che la Corte Costituzionale bocciò e che invece secondo me era giusta". A suo dire, "un provvedimento del genere avrebbe garantito risultati decisamente migliori e avrebbe risposto a criteri di equità". E il posticipo di dieci giorni "è un mezzuccio. Non so chi abbia avuto quest'idea, mi sembra un'operazione di piccolo cabotaggio".

Già si parla di emendamenti da parte dello stesso Partito Democratico alla legge di stabilità che potrebbero contenere l'allargamento alle pensioni del bonus di 80 euro, la creazione di una no tax area ad hoc; l'introduzione di maggiore flessibilità in uscita; l'innalzamento delle pensioni minime.

Nel frattempo secondo l'Inps, nel 2013 quasi la metà dei pensionati (il 43,5%, ovvero 6,8 milioni di persone), aveva un reddito inferiore a 1.000 euro al mese. Oltre 2,1 milioni di pensionati (il 13,4%) aveva un reddito inferiore ai 500 euro mentre quasi il 70% percepiva meno di 1.500 euro al mese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il