BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie: riforma, il segreto progetto di Renzi di interventi e modifiche da attuare

Tutto tace sulle pensioni e nulla in nuova Legge di Stabilità ma potrebbero esserci sorprese all’orizzonte: quali le prossime idee di Renzi?




Tanti gli interventi contenuti nella nuova Legge di Stabilità tutti, per lo meno quelli più espliciti, a sostegno di imprese e famiglie, ma manca un grande capitolo nella nuova Legge, quello delle pensioni e le ultime notizie non sono certo confortanti in merito. Ci sono diverse proposte per cambiare la riforma pensioni, diversi emendamenti già pronti che puntano a flessibilità, con piani di uscita anticipata, e sostenibilità, ma tutto resta sempre molto confuso. E il premier Renzi continua a tacere sulla questione, anche se parlarne potrebbe portare vantaggi sia in termini elettorali che di rilancio dell’economia.

In termini elettorali, infatti, la conferma del bonus degli 80 euro, gli sgravi per le partite iva, il taglio Irap, il nuovo bonus per le noemamme e le detrazioni pensate per le famiglie numerose sono già decisioni molto importanti da un punto di vista sociale per famiglie e aziende, che in tantissimi si aspettavano e volevano con forza e gli danno forte popolarità. Perchè non intervenire, dunque, anche sulle pensioni, considerando poi che proprio le pensioni sono sempre state il cavallo di battaglia di quel Silvio Berlusconi da cui Renzi riprende alcune ricette economiche.

Gli interventi sulle pensioni potrebbero inoltre rilanciare l’economia, se strettamente legate alle misure del Jobs Act, e non solo inciderebbero sulla disoccupazione, se approvati piani di uscita anticipata, ma anche sulle condizioni di vita delle famiglie italiane, visto che sono diverse le famiglie che vivono con parte della pensione dei 16milioni di italiani pensionati. Sorge dunque spontaneo chiedersi perché, alla luce di tutti questi vantaggi che ne deriverebbero, non si parla di riforma pensioni? Perché non viene toccato il sistema previdenziale e lo stesso premier non ne parla?

Secondo alcune ipotesi, dietro questo silenzio potrebbe celarsi una strategia segreta di Renzi, che dovrebbe consistere nell’innescare un meccanismo automatico di intervento tra Jobs Act ed altri cambiamenti per arrivare, naturalmente, a toccare anche le pensioni, intervendo, tra l’altro, come aveva già fatto trapelare, con tagli a baby pensioni, revisione delle pensioni di invalidità e reversibilità.

Ma gli interventi riguarderebbero anche flessibilità uscita e aumento pensioni. Un grande ostacolo per Renzi è rappresentato ora sicuramente dall'UE che, insieme al FMI, ha chiesto al governo che vengano tagliate le pensioni e ridotta la spesa pensionistica. E ciò significa che almeno al momento Renzi non può intervenire su nulla, motivo per il quale sembrano ‘svaniti nel nulla’ anche tutti gli interventi arrivati durante e dopo l’estate da ministro Poletti, sottosegretario Baretta e Cesare Damiano. Probabilmente i loro annunci sulle pensioni servivano per iniziare a sondare il terreno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il