BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Goveno Renzi: norme nuove INPS-INPDAP . Con emendamenti Legge Stabilità possono cambiare ancora

Approvate nuove misure pensioni in Legge di Stabilità 2015 ma interventi peggiorativi e si chiedono ancora modifiche. Tutto di nuovo in discussione?




Sale la tassazione sui fondi pensioni, viene ridotto di 150milioni di euro il fondo per i patronati; nuovo obbligo per i medici di comunicare, entro 48 ore, il decesso del pensionato all'Inps attraverso il sistema telematico già in uso per la comunicazione di malattia; possibilità di richiedere il Tfr in busta paga ma sottoposto a tassazione ordinaria. Queste le novità della Legge di stabilità 2015 sulle pensioni, ultime notizie che, come evidente, non riportano nulla di quanto richiesto.

Nessuna uscita anticipata, nessuna possibilità di pensionamento a 62 anni e 5 anni di contributi o sulla possibilità di estensione del sistema contributivo per tutti, uomini e donne. Ma qualcosa potrebbe ancora cambiare nelle prossime discussioni parlamentari, con i diversi emendamenti e disegni di legge già definiti. Le richieste riguardano non solo nuove possibilità di uscita anticipata, ma anche aumenti per le pensioni più basse e novità per le pensioni di reversibilità.

Diversi esperti poi invitano il governo anche a rivedere le misure approvate, a partire dalla nuova tassazione che colpisce la previdenza complementare. Secondo Andrea Camporese, presidente della cassa di previdenza dei giornalisti (Inpgi) e dell’Adepp, l’Associazione degli Enti Previdenziali Privatizzati che riunisce 20 Casse di altrettanti ordini professionali, “Se fosse confermato l’aumento del prelievo fiscale per le Casse di previdenza (dal 20% al 26%) e per il secondo pilastro (dall’11,5% al 20%) nella legge di Stabilità, si tratterebbe di una gravissima decisione dalle conseguenze pesanti per l’intero sistema della previdenza privata. Insanabile ingiustizia nei confronti di chi produce il 15% del Pil. La scelta del governo potrebbe rimettere in discussione la manifestata intenzione degli enti dei professionisti di impegnare i risparmi in un fondo investimenti nell’economia reale del Paese”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il