BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa, iva 4%, affitto, detrazioni 50%-65%: novità e misure ufficiali 2014-20155 Sblocca Italia e Legge Stabilità

Novità casa e nuovi bonus per ristrutturazioni e chi affitta immobili in nuova Legge di Stabilità: cosa prevedono e chi può beneficiarne




Dopo l’approvazione della scorsa settimana in Consiglio dei Ministri è stata leggermente modificata in alcune sue parti la nuova Legge di Stabilità 2015, soprattutto per quanto riguarda il mondo dell’edilizia. Innanzitutto, sono stati confermati gli eco bonus per le ristrutturazioni edilizie al 50 e al 655 e confermato anche il bonus mobili; niente Iva al 4% sugli interventi di recupero edilizio (la proposta prevedeva un abbassamento dell’Iva dal 10 al 4%); previsto poi un bonus fiscale del 20% per chi acquista una nuova casa dal primo gennaio 2014 al 31 dicembre 2017, per poi affittarla.

Il bonus, che vale esclusivamente per persone fisiche, consiste nella deduzione dal reddito complessivo pari al 20% del prezzo di acquisto dell'immobile che risulta dall'atto di compravendita. Il limite massimo complessivo di spesa deve essere di 300mila euro. Il bonus viene destinato non solo a chi acquista una nuova abitazione ma anche a chi costruisce un immobile a destinazione residenziale sull'area edificabile che già possiede, ma per usufruire del beneficio l'immobile, acquistato o costruito, deve essere affittato per almeno 8 anni continuativi a canone concordato; se il contratto di affitto si conclude, non per cause del proprietario, prima degli 8 anni ma ne viene stipulato un altro entro un anno.

Gli immobili che possono godere di questa agevolazione sono quelli a destinazione residenziale, ma che non devono essere classificati come immobili di lusso, signorile o di pregio e non deve essere ubicato nelle zone di carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale. Non valgono i contratti di locazione stipulati tra genitori e figli.

Prevista inoltre l'esenzione dalle imposte di registro e di bollo per chi affitta immobili riducendone il canone. Secondo quanto si legge, ‘quando il locatore decide di concedere una riduzione del canone di locazione inizialmente pattuito, e il contratto è ancora in essere, per la registrazione dell'atto con il quale viene formalizzato esclusivamente tale accordo non sono più dovute l'imposta di registro (67 euro) e l'imposta di bollo (16 euro per ogni foglio)’.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il