BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, scuola riforma, indulto, amnistia, quota 96, Legge Stabilità 2014-2015 Renzi: novità oggi martedì e questi ultimi giorni

Cosa è cambiato finora con nuova Legge di Stabilità per pensioni, scuola e famiglie? E a che punto siamo sulla questione carceri? Le ultime novità




Nuovi emendamenti pronti per modificare ancora la riforma pensioni, tra uscite anticipate e flessibili e bonus per coloro che percepiscono pensioni basse; nuovo emendamento per chiedere una soluzione definitiva per i Quota 96 e permettere ai 4mila lavoratori della scuola di andare finalmente in pensione, e nuovo emendamento anche per quanto riguarda lo svolgimento degli esami di Maturità e sue commissioni.

Secondo la responsabile nazionale Scuola e Università di Forza Italia, Elena Centemero, “L’eliminazione dalla legge di stabilità della misura che prevede membri interni per le commissioni dell’esame di maturità, se confermata, sarebbe l’ennesima occasione persa per un vero cambiamento nella scuola. Presenteremo un emendamento alla manovra affinché gli esami di Stato siano considerati nella normale attività dei docenti, quindi senza la previsione di alcun compenso aggiuntivo ad eccezione del rimborso spese per i commissari esterni”.

Queste le ulteriori novità che si prospettano all’orizzonte per modificare ancora la nuova Legge di Stabilità, varata dal governo la scorsa settimana. Mentre tanti speravano che tra le novità previste vi fossero anche piani di uscita anticipata per rendere più flessibile l’attuale sistema pensionistico, le novità pensioni si sono invece concentrate su altre strade, essenzialmente pratiche ed economiche, giacchè prevedono l’eliminazione delle prestazioni accessorie erogate dall'Inps per le cure termali, la riduzione di 150milioni di euro del fondo destinato ai patronati, l’istituzione dell’obbligo per i medici di comunicare entro 48 ore il decesso di un pensionato Inps solo in via telematica, nonché lo spostamento del pagamento delle pensioni dal primo al decimo giorno del mese.

In quest’ultimo caso, l’Inps, dopo le prime polemiche immediatamente scaturite sulla notizia, si è affrettato a chiarire che la proroga riguarda esclusivamente i pensionati, circa 800mila, che percepiscono il doppio assegno Inps-Inpdap mentre per tutti gli altri non cambierà nulla rispetto ad ora. Stanziano nuovi fondi per l’assunzione di 149mila precari della scuola, ma tagliato il personale Ata e abolite le supplenze brevi, che saranno coperte dagli insegnanti dell’istituto stesso. Confermato anche per il mondo della scuola il blocco dei contratti per il 2015 e tagliata l’indennità di vacanza.

Confermate le misure della Legge di Stabilità che però subisce modifiche per quanto riguarda il bonus bebè, per cui è stata abbassato lo stanziamento di soldi da 500 a 202 milioni e che potrà essere richiesto da gennaio 2015 da coloro che percepiscono redditi annui, tra entrambe i genitori, non superiori ai 90mila euro; cambia inoltre il tetto di cancellazione del pagamento dei contributi per tre ani per i neoassunti che sale dai 6.200 euro annui inizialmente previsti a oltre 8mila euro; confermata la tassazione ordinaria per coloro che richiedono il Tfr in busta paga, ma non sarà considerato ai fini della determinazione del reddito.

E si attendono ancora comunicazioni ufficiali per quanto riguarda lo sblocco dei contratti 2015 per militari e forze dell’ordine, nonché sulle misure di indulto e amnistia. E’ ripreso in Commissione Giustizia l’esame dei quattro ddl, ma, dopo la fermezza nuovamente espressa dal premier Renzi sul non voler ricorrere a tali misure di clemenza per risolvere una situazione di emergenza carceraria che non si chiuderebbe certo con queste misure non del tutto risolutive secondo il premier, il ministro Orlando ha chiarito che probabilmente più che ricorrere a indulto e amnistia sarebbe meglio pensare a pene alternative per i colpevoli di reati minori come, per esempio, centri di riabilitazione o arresti domiciliari per i tossicodipendenti. Ma la questione resta ancora aperta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il