BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni Renzi, ultime notizie: proposte, disegni di legge, emendamenti presentati in Parlamento su diversi punti.

Ancora richieste di modifiche alla riforma pensioni in nuova Manovra Finanziaria: pronti già emendamenti e nuovi ddl. Cosa chiedono?




Nonostante le misure a sostegno di famiglie e imprese, c’è chi chiede modifiche alle norme contenute nella nuova Manovra Finanziaria, volte a cambiare la riforma pensioni. E le ultime notizie riportano già le nuove proposte che partiti politici, ma anche forze sociali hanno già preparato per le discussioni parlamentari, nella speranza che novità su uscita anticipata e flessibile e su possibili nuovi bonus per i pensionati dal 2015 vengano inseriti nella nuova Manovra. Mentre anche il commissario Inps Treu auspica maggiore flessibilità e l’introduzioni di elementi nuovi per la legge pensionistica, torna in discussione come disegno di legge la proposta di uscita anticipata avanzata prima da Cesare Damiano e poi ribadita dal sottosegretario all’Economia Baretta.

Si tratta di quel sistema che permetterebbe di andare in pensione a 62 anni, invece che a 66 anni, avendo maturato però 35 anni di contributi e a fronte di una serie di penalizzazioni sull’assegno finale che ne ridurrebbero il valore in percentuale in basse all’anno in cui si decide di lasciare il lavoro prima rispetto alla soglia attuale dei 66 anni. Sarebbe quell’operazione di scambio, come l’ha definita Baretta che però darebbe al lavoratore la possibilità di scegliere se andare, o meno, in pensione prima.

Mentre la Lega resta ferma sulla sua posizione di indire un referendum di totale abrogazione della legge Fornero, anche l’Italia dei Valori chiede al governo Renzi maggiore flessibilità in uscita e il segretario nazionale del partito Ignazio Messina e il responsabile nazionale del laboratorio di IdV sul lavoro Maurizio Zipponi hanno spiegato: Chiediamo una flessibilità dell’età pensionabile da accompagnare ad una riforma pensioni tale da garantire il ricambio generazionale e l’abolizione della pratica delle dimissioni in bianco . Inoltre, tra i punti della nostra proposta di legge prevediamo di risolvere il nodo degli esodati favorendo l’accesso alla pensione a coloro che abbiano sottoscritto gli accordi entro il 21 dicembre 2011”.

Si attendono però altri emendamenti, come quelli definiti dal Pd che chiedono revisione della tassazione per chi decide di chiedere il Tfr in busta paga, bonus degli 80 euro anche per i pensionati che percepiscono assegni mensili minimi, inferiori ai mille euro, una no tax area per i pensionati, nonché, come proposto dal ministro Poletti, l’eliminazione delle penalizzazioni per chi vuole andare in pensione prima dei 62 anni. Ma non solo, pronto anche un emendamento per la revisione delle pensioni di reversibilità.

La proposta di legge Rostellato-Labriola chiede infatti la revisione dei trattamenti pensionistici di reversibilità, con la possibilità di garantire, per esempio, alla moglie superstite il 100% della pensione del congiunto defunto se non è titolate di alcun reddito proprio. La normativa attuale prevede l’erogazione del 60% della pensioni; e chiede anche si rendere cumulabile il trattamento di reversibilità fino a 6 volte, dai 3 attuali,  il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti.

Altro ddl in discussione, a sostegno degli invalidi civili, prevede invece che venga riconosciuto, dall'anno 2013, agli invalidi per qualsiasi causa, titolari di un'invalidità superiore al 46% ma inferiore al 74, il beneficio di un mese di contribuzione ai fini del diritto alla pensione e dell'anzianità contributiva, per ogni anno di servizio presso pubbliche amministrazioni o aziende private ovvero cooperative effettivamente svolto. E c’è poi il caso dei ferrovieri: un'altra proposta di modifica alle pensioni arriva dal Sindacato delle Ferrovie che chiede l'approvazione del ddl che permetterebbe al personale ferroviari di andare in pensione anticipata a 58 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il