BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni usuranti, precoci, donne riforma governo Renzi: novità secondo studiosi ed esperti su come cambiare Legge Stabilità

Il sistema della previdenza italiana è quello disegnato con la riforma Fornero. Nessun cambiamento strutturale è stato introdotto con la legge di stabilità.




La riforma delle pensioni non c'è stata. La legge di stabilità varata quasi due settimane fa dal governo Renzi non ha previsto alcuna delle tante ipotesi avanzate in fase di discussione da ministri ed esperti della materia. Se qualche cambiamento c'è stato, in realtà, passa dall'inasprimento della pressione fiscale. A bene vedere è infatti salita dall'11 al 20% la tassazione sui rendimenti di fondi pensione dal periodo d'imposta 2015. E ancora, sulla rivalutazione dei fondi per il trattamento di fine rapporto la quota è passata dall'11 al 17%.

A proposito di Tfr, da marzo 2015 scatta la novità che finirà in busta paga. Una volta optato per questa scelta, assoggettata a tassazione ordinaria, la scelta è irrevocabile. Sono esclusi i lavoratori pubblici, domestici e del settore agricolo. Critico l'economista Tito Boeri: "Capisco che si voglia spingere i consumi ma attenzione perché non è affatto detto che le somme tolte dai fondi andranno a trasferirsi in consumi". E ancora, "non possiamo non pensare al futuro previdenziale dei giovani, che è impossibile da immaginare senza un importante pilastro di previdenza complementare. In un paese che è destinato a crescere poco, se crescerà, il rendimento delle pensioni pubbliche è destinato a essere minimo".

Sono quindi rimaste sulla carta le soluzioni del ponte previdenziale con cui permettere agli over 50 senza lavoro di andare in pensione con un prestito erogato da Stato e aziende, l'allargamento del sistema di calcolo con metodo contributivo anche agli uomini, l'introduzione di una maggiore dose di flessibilità per favorire l'uscita anticipata ovvero il rinnovo generazionale. Eppure per alcune di queste misure l'impegno economico per lo Stato sarebbe limitato, se non a costo zero.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il