BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, uomini, vecchiaia riforma governo Renzi: novità disegni legge, proposte ed emendamenti già depositati

Anche in questi giorni si discute di riforma delle pensioni. Quali emendamenti alla legge di stabilità da parte della Camera dei deputati?




La partita delle pensioni è ancora in corso. Nonostante il varo di una legge di stabilità che non ha previsto l'inserimento di alcuna delle misure proposte alla vigilia, l'attenzione è ora puntata gli emendamenti alla manovra. Il nodo centrale è la flessibilità: come prevedere l'uscita anticipata secondo una formula economicamente sostenibile e socialmente accettabile. L'ipotesi di cui si discute con maggior frequenza è quella avanzata (e poi bocciata) da Cesare Damiano, presidente della commissione Lavoro della Camera dei deputati, ripresa da Pier Paolo Baretta, sottosegretario di Stato all'Economia e alle Finanze. Si tratta di mandare in pensione i lavoratori con 62 anni di età e 35 anni di contributi versati.

Decisamente più radicale la posizione della Lega che chiede l'abolizione totale della legge Fornero. A tal proposito ha raccolto e depositato le firme per l'indizione di un referendum popolare. C'è poi chi insiste, anche nelle file del Partito Democratico, nel chiedere l'allargamento del famoso bonus di 80 euro anche ai pensionati.

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha poi incontrato i sindacati alla presenza, tra gli altri, di Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia, Graziano Delrio, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Marianna Madia, ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione. Al centro del confronto c'è stata naturalmente la legge di stabilità. Riguardo all'intenzione della Cgil di proclamare uno sciopero generale, Poletti ha osservato: "Poi ognuno fa la parte che gli compete: il sindacato fa il sindacato, il governo fa il governo".

Il ministro ha ribadito che "il cuore della legge, ovvero il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, è per noi il perno e resta assolutamente valido e con esso gli altri punti della legge delega che trovano conferma nelle risorse della finanziaria".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il