BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, uomini, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità Legge Stabilità. Incontri Poletti, Madia, Padoan per modifiche

Sindacati e governo a confronto sulle mancate misure in ambito previdenziale e sui provvedimenti sul welfare nella legge di stabilità.




Pensioni, welfare, lavoro, legge di stabilità: sono i tanti i tempi al centro del confronto fra sindacati e governo. Già, perché a bene vedere gli interventi del governo sono stati minimi e marginali. Soprattutto in ambito previdenziale, non sono state introdotte quelle misure che, nel segno della flessibilità, avrebbero garantito, condizioni più favorevoli per l'uscita anticipata. Se di cambiamenti si può parlare, si deve fare riferimento al solo aumento della tassazione. Anche la paventata estensione del bonus di 80 euro ai pensionati è rimasta ferma sulla carta.

Naturalmente si parlerà anche di lavoro. L'azzeramento dei contributi per le assunzioni a tempo indeterminato riguarderà un milione di contratti. Ma l'effetto di incentivo, secondo il governo, si manifesterà essenzialmente nel passaggio da forme flessibili di lavoro, come quello a termine, ai nuovi contratti che - dal punto di vista normativo - sono al centro della riforma contenuta nel Jobs Act. Le assunzioni dovranno essere effettuate tra il primo gennaio e il 31 dicembre del prossimo anno. La base di partenza per la valutazione dei potenziali interessati sono i 636.000 lavoratori assunti nel 2013 in base ai dati dell'Inps.

Ma secondo l'esecutivo si potrà arrivare a un milione di contratti incentivati contando proprio il passaggio dal tempo determinato (o altre forme flessibili) alla nuova e più conveniente tipologia, che riguarderebbe quindi circa altri 360.000 lavoratori. Si stima che 790.000 saranno quelli che potranno sfruttare l'incentivo per tutta la contribuzione (il tetto è fissato a 8.090 euro equivalenti a una retribuzione di 26.000 euro l'anno) mentre gli altri 210.000 avranno una quota di contributi al di sopra della soglia che i datori di lavoro dovranno versare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il