BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: dagli incontri della Leopolda segnai nuovi peggiorativi per tutti

Dopo incontro Leopolda nessuna novità pensioni e soluzione per i Quota 96: la situazione e cosa aspettarsi nei prossimi giorni




Se le speranze per nuovi eventuali interventi sulla riforma pensioni si concentrano nei giorni di discussioni parlamentari occasione in cui, secondo le ultime notizie, saranno presentati nuovi emendamenti di modifiche, dalla Leopolda tenutasi nel week end appena trascorso, non arrivano in realtà segnali positivi che lasciano intravedere effettivi cambiamenti per le pensioni italiane. E ancora una volta si potrebbe rimanere particolarmente delusi dalle aspettative. Ma si attende che qualcosa si muova.

All’indomani della Leopolda, su Facebook, Valentino Marseglia riporta, per esempio: ‘Torno ora dalla Leopolda. Non ci sono buone notizie .Ho parlato con Simona Malpezzi la quale mi ha riferito che il governo ha altre priorità (rispetto ad affrontare il tema dei Quota 96). Ha aggiunto che si potrebbe scatenare un effetto domino di altre categorie di lavoratori e ha concluso riferendo che probabilmente finiremo in un organico a parte come affermato dal ministro Giannini recentemente. A nulla sono valse le rivendicazioni e le proteste che le ho rivolto. Quasi impossibile essere intervistati dalle tv tutte rivolte a Renzi, Boschi, Del Rio, Cantone, e finanziere Serra’.

La situazione, dunque, sembra piuttosto chiara: non sarà toccata, come si sperava, ancora la questione dei Quota 96 della scuola, perché altrimenti di innescherebbe un meccanismo di necessari interventi a cascata. Già tempo fa avevamo chiarito come intervenire risolvendo la situazione dei 4mila lavoratori della scuola in attesa ancora di pensione per effetto di un errore della legge pensionistica Fornero, avrebbe rappresentato una prima reale correzione della riforma pensioni attuale, il che avrebbe aperto la strada ad altri interventi.

E questa consequenzialità varrebbe anche adesso, motivo per il quale è stato nuovamente chiarito che non bisognerà aspettarsi nulla ancora. Neanche gli incontri tra governo e sindacati che continuano a chiedere maggiore flessibilità per il sistema pensionistico attuale, nonché l’aumento di 80 euro anche per i pensionati che ricevono mensilmente assegni minimi, hanno portato novità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il