BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni, si continua a lavorare per modifiche secondo autorevole e importante fonte

Possibili ancora novità pensioni secondo ultime dichiarazioni ministro Poletti a Salerno: ma quanto saranno veri i nuovi annunci di cambiamenti?




Piani di uscita anticipata finora allontanati, nonostante a costo zero, e ultime notizie, provenienti dalla Leopolda, non certo positive su possibili soluzioni per i Quota 96 della scuola e interventi sull’attuale riforma pensioni: continua ad essere ancora incerta e caotica la situazione sulle discussioni pensioni in Italia, dove, nonostante richieste di maggiore flessibilità e interventi volti a rendere il sistema previdenziale più sostenibile, nulla è stato fatto finora.

Eppure prima il Fondo Monetario Internazionale e poi l’Ue hanno invitato il governo italiano a intervenire sulle pensioni e a tagliarne i costi. Svaniscono intanto le speranze di intervento, considerando che, nonostante annunci e promesse, nulla p stato fatto concretamente finora, ma nuove dichiarazioni del ministro del Lavoro Poletti arrivano a far nascere nuove speranze in quanti auspicano cambiamenti.

Intervenuto a Salerno, Poletti avrebbe detto: “Dove eravamo quando abbiamo deciso che si poteva andare in pensione dopo 16 anni? Perché adesso ci pesa moltissimo dover fare un ragionamento sulle pensioni. Ma il ragionamento sulle pensioni di oggi  è figlio di quella e di altre cento scelte come quelle. Quando abbiamo deciso che un lavoratore pubblico poteva lavorare 36 ore al mese,  abbiamo detto che andava bene. Ma adesso dobbiamo ricostruire un equilibrio in una condizione molto difficile. E’ questo il punto su cui oggi stiamo lavorando”, ciò significa che probabilmente qualcosa ancora, magari di specifico per precoci e usuranti, si potrebbe ancora fare.

Si torna dunque a parlare di possibili novità pensioni ma resta da capire quale fra i sistemi di prepensionamento e uscita anticipata o soluzione strutturale sarà effettivamente messa in atto, considerando che si tratta, in generale, di meccanismi a costo zero per cui ci si chiede perché continuare ad aspettare tanto per farli diventare realtà.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il