BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, riforma partita iva regime minimi, ristrutturazioni casa 50%-65%, iva 4%: Legge Stabilità e novità con DEF rivisto

Revisione del Def e nuovi emendamenti ancora in discussione per Legge di stabilità 2015: si teme nuovo aumento Iva. La situazione




L'Ue ha dato il primo via libera alla Legge di Stabilità italiana:  secondo Jyrki Katainen, commissario europeo agli Affari economici e futuro vicepresidente della Commissione presieduta da Jean Claude Juncker, “Dopo aver esaminato tutte le informazioni supplementari e gli aggiustamenti comunicati negli ultimi giorni, non posso identificare casi di deviazione particolarmente seri che ci obbligherebbero a opinioni negative”. Bruxelles fissa comunque per novembre un nuovo giudizio. Ora, dunque, le modifiche alla nuova Manovra dovranno essere approvate in Parlamento.

Ma torna in Aula il Def, da rivedere in alcune parti e che dovrebbe riportare novità rispetto agli impegni presi nella precedente versione in cui si leggeva che nel 2015 Roma avrebbe ridotto il deficit solo dello 0,1% del Pil, pari a circa 1,6 miliardi di euro. Considerando  le misure aggiuntive, grazie alle quali il deficit 2015 scende al 2,6% dal 2,9% previsto in precedenza, è necessario un aggiornamento del Documento di economia e finanza.

Ilo ministro Padoan ha, però, spiegato che questo cambiamento “non altera sostanzialmente le previsioni programmatiche previste dalla nota di aggiornamento al Def e non comporta cambiamenti nella struttura del disegno di legge di Stabilità”.

Sarà, dunque, rivisto il Def, e si prevedono emendamenti con modifiche su diverse questioni, comprese pensioni e quota 96 della scuola, chiesta anche la revisione del regime fiscale cui dovrà adeguarsi chi richiede il Tfr in busta paga, mentre si teme che possa essere effettivamente messo in atto quell’aumento dell’Iva annunciato, che servirebbe per finanziare i bonus promessi da Renzi, ma che sta diventando il nuovo spauracchio per tutti e che si spera venga scongiurato, anche per non contribuire ad affossare ancora di più i consumi già in crisi. Rivisto inoltre il nuovo Isee, indicatore della situazione economica familiare, e confermati i bonus ristrutturazioni edilizie, mentre ha subito cambiamenti il nuovo bonus da 80 euro per le neomamme, il cui fondo scende da 500 a 202 milioni.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il