BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Carta circolazione, libretto, patente auto aziendale e personale: aggiornamento 3 Novembre 2014. Per chi, regole, quando e come

Come funziona e a chi si rivolge il nuovo obbligo di aggiornamento della carta di circolazione: sanzioni previste e casi in cui non sussiste tale vincolo




Società di autonoleggio, le pubbliche amministrazioni e le flotte aziendali in genere: queste le categorie dell’autotrasporto che dovranno adempiere al nuovo obbligo di aggiornamento del libretto di circolazione per le auto che vengono utilizzate per una durata di tempo superiore ai 30 giorno. Il nuovo obbligo entra in vigore a partire da lunedì 3 novembre e non è retroattivo, ciò significa che varrà per solo per gli atti stipulati da quella data in poi. L’obbligo impone la coincidenza del nome su carta di circolazione e patente di colui che la utilizza.

Per rispettare la nuova norma che impone l’aggiornamento della carta di circolazione per chi usa abitualmente un’auto intestata a una persona diversa, bisognerà recarsi alla Motorizzazione e fare riportare sul libretto il nome di chi utilizza effettivamente la vettura di proprietà altrui. Nome di carta di circolazione e patente dovranno, come detto, coincidere, riportando il nome della stessa persona. Per chi entro il 3 novembre non si adeguerà alla nuova norma sono previste sanzioni a partire da 705 euro, oltre al ritiro della carta di circolazione.

Non dovranno adempiere al nuovo obbligo i figlie che, per esempio, usano le macchine dei propri genitori, anche se abitualmente. Non è previsto, quindi, nessun obbligo o sanzione per figli che guidano l’auto del padre, mogli che guidano le auto dei mariti e così via, a patto che effettivo utilizzatore (nome sulla patente) e intestatario del veicolo (nome sulla carta di circolazione) condividano lo stesso indirizzo di residenza. L'obbligo di aggiornamento della carta di circolazione non riguarda neanche coloro che svolgono attività di autotrasporto con licenza e i rimorchi di massa superiore alle 3,5 tonnellate.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il