BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato, partita iva nuovo regime minimi, riforma tasse, pensioni: novità Governo Renzi ad oggi

Nuovi possibili cambiamenti per la Legge di Stabilità 2015 con Def di nuovo in Aula: risorse disponibili, misure probabili e interventi ancora al vaglio




AGGIORNAMENTO: Nel consiglio dei Ministri del Governo Renzi di ieri giovedì 30 Ottobre 2014, è stata approvata definitivamente la legge ufficiale sul 730 2015 precompilato. Tutte le novità, come funziona, per chi e quando arriverà e il ruolo dei commercialisti e Caf autorizzati lo abbiamo spiegato in questo articolo al seguente link diretto

E' arrivato il via libera dell'Europa alla Legge di Stabilità del governo Renzi, dove non si evince alcuna ‘grave deviazione’, secondo la Commissione Ue. Ma Bruxelles si riserva un giudizio più approfondito per il prossimo novembre, quando valuterà anche eventuali ‘mancanze o rischi’. Accolta con soddisfazione la decisione Ue, si passa, su fronte interno, alla revisione del Def che comporterà eventuali modifiche anche alla Legge di Stabilità.

Da interventi sulla riforma pensioni, al vaglio con i nuovi emendamenti presentati dalle diverse forze politiche, al taglio Irap, ai nuovi tagli previsti per la scuola, così come modifiche per il bonus bebè 2015, che potrà contare su un fondo ridotto da 500 a 202 milioni di euro, alle novità ufficiali che si attendono per lo sblocco dei contratti, per il 2015, di militari e forze dell’ordine, alle nuove misure previste per contrastare l’evasione fiscale.

Si riduce anche riduce di 100 milioni il fondo destinato alle disabilità, mentre dovrebbe crescere di ben 187.5 milioni all'anno il fondo per l'immigrazione. Nulla, però, per quanto riguarda disoccupati, esodati o taglio tasse.

Nulla nemmeno per quanto riguarda la più volte richiesta estensione del bonus di 80 euro anche ai pensionati, misure del resto annunciata dallo stesso Renzi prima dell’estate, ma mai arrivata. Resta da sciogliere il nodo sull’aumento del’Iva che, già contenuto tra le pieghe della nuova Legge di Stabilità, si spera venga scongiurato. E il ministro Padoan sembra voler agire su questa strada. Ma molto dipenderà dalle coperture necessarie alle misure annunciate e le relative risorse disponibili effettivamente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il