BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tari Milano, Roma, Torino e altre città 2014: detrazioni, esenzioni, regole tassa rifiuti. Chi deve pagare, quando e come

Tutto pronto in alcune città di Italia per il pagamento Tari 2014: come funziona la nuova tassa sui rifiuti e modalità di pagamento possibili




Come l'Imu, anche la Tari, imposta sui rifiuti che da quest'anno sostituisce la Tares, può essere pagata con modello F24, in bacnca o presso qualsiasi ufficio Postale, o con bolletino postale. Nei Comuni di Italia, tuttavia, dovrebbe essere l'amministrazione a provvedere all'invio dei bollettini a casa dei propri cittadini. Il presupposto per il pagamento Tari è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, che possono produrre rifiuti urbani. Pagano, dunque, come la Tasi, sia proprietari che inquilini.

Escluse dal pagamento Tari le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative, e le aree comuni condominiali non detenute o occupate in via esclusiva. Non pagano i detentori di immobili per meno di sei mesi nel corso dello stesso anno solare e in questi casi pagano esclusivamente il proprietario. Scadenza del pagamento Tari in vista a Milano, dove si paga entro il 30 ottobre.

Il Comune di Milano provvede ad inviare bollettini di pagamento direttamente ai cittadini e si potrà poi procedere al versamento in tutti gli sportelli bancari e postali e nei bancomat abilitati. Si può pagare ancneh online collegandosi al sito www.agenziaentrate.gov.it per la compilazione del modello online tramite il proprio sistema di home banking. Se si decide di pagare via Internet bisogna ricordarsi di non barrare la casella Acconto

Si paga la Tari anche a Roma, dove il conto sarà salato soprattutto per le utenze non domestiche. Secondo un'indagine del centro ricerche economiche Federconsumatori, negli ultimi quattro anni la tassa sui rifiuti è aumentata in Italia in media del 21,96% per una casa da 100 metri quadri e con tre componenti. A Roma la scadenza Tari 2014 è divisa in due semestri, il primo dal primo gennaio al 30 giugno ed il secondo dal primo luglio al 31 dicembre, per cui c’è ancora tempo per pagare la seconda rata della Tari.

A Torino, slitta il pagamento Tari dal 15 ottobre al 15 novembre per utenze non domestiche, cioè le attività commerciali. Il Comune di Torino ha stabilito questa proroga per permettere alle attività di effettuare il calcolo corretto dell'importo della tassa da versare, in modo tale da evitare versamenti sbagliati. Per le utenze domestiche la scadenza è fissata al 10 dicembre prossimo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il