BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui fisso e variabile tasso, fondo garanzia prima casa, affitto casa ren to buy: finanziamenti, agevolazione. Come e per chi

Nuova formula ret to buy, bonus e fondo acquisto prima casa: le novità a sostegno di giovani coppie, e non solo, che desiderano comprare un immobile




Affittare una casa con la possibilità di un acquisto futuro, o meglio, con la possibilità di tramutare la formula di locazione in mutuo per acquisto dell’immobile. E’ questo il principio della formula rent to buy, che permette agli inquilini di poter decidere se comprare la casa in affitto, e in caso di acquisto di scomputare dal costo finale quello che si è già versato durante i mesi di pagamento dell’affitto. La formula sarebbe la seguente: l’inquilino versa al proprietari  un acconto, del 6% circa del prezzo di compravendita, che resterà bloccato per alcuni anni. Metà dell’importo versato dall’inquilino mensilmente confluisce in un fondo che alla fine sarà il 15% di quanto sarà richiesto, per cui al momento del rogito l’inquilino dovrà versare il restante 85%, magari stipulando un classico mutuo.

Le banche, in questi casi, concedono mutui più facilmente se si è stati puntuali e precisi nel pagamento dei canoni mensili versati al proprietario. Questa formula rent to buy risulta vantaggiosa perché dà più tempo per mettere da parte soldi per l’acquisto di una casa, ma non piace al sindacato degli inquilini, secondo cui tale novità non offre garanzie certe all'inquilino che rischia di perdere la cifra eventualmente versata in anticipo al venditore.

Secondo Daniele Barbieri, Segretario generale del sindacato, tra gli aspetti più controversi di questa nuova forma contrattuale, c’è, infatti, “la mancanza di certezze sui profili fiscali ed è assolutamente negativo e pericoloso per gli inquilini per molti motivi. Non sono previste sufficienti garanzie per l'inquilino, soggetto al rischio di perdere le somme versate e di subire oneri per l'atto notarile, anch'essi a fondo perduto, nel caso in cui la vendita prevista non avvenga. Mentre al venditore viene consentito di fatto un recesso facilitato e per nulla oneroso”. La richiesta attuale al governo è quella di rivedere il funzionamento e le garanzie di questa formula di acquisto case.

Intanto, una norma prevista nel DL Sblocca Italia prevede un bonus alido per l’acquisto di una casa, agevolazione per coloro che hanno intenzione di comprare un immobile a destinazione residenziale o che sostengono spese per la costruzione di un immobile. L’agevolazione consiste in un bonus Irpef del 20% sul prezzo di acquisto, su un limite di spesa pari a 300mila euro, e valido fino al 31 dicembre 2017. Talebonus non vale, però, se l’immobile in questione è di lusso, signorile o di pregio, appartenente alla categoria catastale A/1, A/8 e A/9.

Per accedere al bonus, l’immobile deve essere in affitto per almeno 8 anni continuativi a canone concordato; non può essere un contratto siglato tra persone con rapporti di parentela di primo grado, come tra genitori e figli; inoltre l’immobile non può essere situazione in zone di particolare pregio e di carattere storico-artistico e deve essere di classe energetica A e B. A sostegno di coloro che vogliono acquistare una casa ma sono in difficoltà, come le giovani coppie con sempre meno garanzie lavorative e reddituali, disponibile anche nuovo Fondo di garanzia per l'acquisto della prima casa.

Il fondo vale per l'acquisto di immobili, non di lusso, da adibire ad abitazione principale del mutuatario e può accedere a questo beneficio chi non è proprietario di altri immobili a uso abitativo, e può essere richiesto da giovani coppie in cui almeno uno dei due componenti non abbia superato i 35 anni, da giovani under 35 con contratto di lavoro precario, dai nuclei familiari monogenitoriali con figli minori.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il