Pensioni precoci, donne, uomini, anzianità, usuranti riforma: novità DEF modificato per richieste Ue su Legge Stabilità

La necessità di aggiornare il Documento di Economia e Finanza non è una buona notizia per chi sperava in un ritocco del welfare sul versante delle pensioni.

Pensioni precoci, donne, uomini, anziani


Nonostante la mancanza di misure migliorative sulla riforma delle pensioni nella legge di stabilità, la questione è costantemente all'ordine del giorno. Sono due i fronti da osservare con attenzione. Da una parte c'è la stessa manovra finanziaria che è approdata alla Camera dei deputati. Fra i tanti emendamenti che saranno presentati, molti coinvolgeranno le pensioni.

Tuttavia i segnali non sono positivi: non solo non c'è la copertura economica per portare a casa misure più incisive, ma anche per i cambiamenti prospettati può essere necessario un aumento dell'IVA. Chi sperava in nuove norme per favorire l'uscita anticipata e flessibile è quindi destinato a rimanere deluso.

Dall'altra il governo Renzi ha approvato la relazione di variazione della nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza (Def) che rivede gli obiettivi programmatici di finanza pubblica riportati nel Documento Programmatico di Bilancio per il 2015 inviato alle istituzioni europee. In questa situazione, se qualcosa cambierà sul tema delle pensioni, il segno potrebbe essere negativo. Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan ha riconosciuto che le variazioni alla manovra originaria comportano "per definizione un effetto espansivo minore".

Come comunicato dal governo, il miglioramento complessivo del deficit atteso per il 2015 è pari a circa 4,5 miliardi di euro che porta l'indebitamento netto nominale al 2,6% del PIL. E ancora, "l'indebitamento netto strutturale registrerà un miglioramento di poco superiore allo 0,3%, sostanzialmente in linea con quanto richiesto dalle istituzioni europee". La struttura del disegno di legge di stabilità per il 2015 "rimane immutata prevedendo, in continuità con i provvedimenti adottati nel corso del 2014, interventi per rilanciare la crescita economica supportando la domanda aggregata e la competitività del Paese".

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il