BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Carta circolazione, patente, libretto auto familiari, personali, aziendali aggiornamento 3 novembre 2014. Ministero, chiarimenti

Nuovo obbligo di aggiornamento della carta di circolazione: per chi vale, chi ne è esente come funziona. Cosa fare con la Motorizzazione




Entra in vigore da lunedì prossimo 3 novembre l’obbligo di aggiornamento della carta di circolazione. Si tratta di una misura che interesserà tutti gli autoveicoli, i motoveicoli e i rimorchi, compresi quelli di massa complessiva inferiore a 3,5 tonnellate, per cui dovranno adempiere al nuovo obbligo tutti coloro che operano nel settore dell’autotrasporto, da noleggi, a chi usa auto aziendali o in leasing per un tempo superiore ai 30 giorni. Il nuovo obbligo non vale per uso di auto tra parenti di primo grado, per esempio genitori e figli.

L’adeguamento, come indicato dal Ministero dei Trasporti, prevede che venga riportato lo stesso nome sulla libretto di circolazione di chi realmente utilizza l’auto, in modo da farlo coincidere con quello riportato sulla patente. Per adempiere all’obbligo, bisogna comunicare alla Motorizzazione: le variazioni di denominazione dell'ente (anche impresa) intestatario del veicolo; le variazioni delle generalità della persona cui viene intestato il veicolo, vale a dire nome, cognome, data o luogo di nascita, luogo di residenza; la temporanea disponibilità (a titolo di comodato, di affidamento in custodia giudiziale o di un contratto di locazione senza conducente, ma con varie esenzioni) di un veicolo per oltre 30 giorni da parte di un soggetto non intestatario, salvo che la disponibilità richieda il possesso di titoli autorizzativi;

Per comunicare tutti i cambiamenti previsti, bisogna semplicemente, come detto, effettuare una comunicazione alla Motorizzazione, che la annota nell'Archivio nazionale dei veicoli e che rilascia un tagliando di aggiornamento da attaccare alla carta di circolazione. Per la pratica bisogna versare 16 euro sul conto corrente postale 4028 (imposta di bollo) e 9 euro sul conto 9001 (diritti Motorizzazione).

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il