BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni, indulto, amnistia, quota 96, ristrutturazione casa, iva 4% Legge Stabilità e Sblocca Italia: novità ad oggi

Tutte le ultime novità sulle questioni in via di definizione per il governo Renzi. Approvato oggi maxiemendamento sostitutivo Sblocca Italia




Nuovi emendamenti per modificare la riforma pensioni Renzi, novità per il mondo della scuola e modifiche alla legge di Stabilità in discussione in Parlamento: sono diversi gli impegni che il governo dovrà affrontare in questi giorni per definire le misure ufficiali della nuova Manovra e per cercare soluzioni, eventuali, a situazioni di emergenza, dai Quota 96 della scuola, al sovraffollamento delle carceri.

Mentre continuano, infatti, a delinearsi modifiche alle misure approvate nella nuova Legge di Stabilità, a partire dal bonus bebè di 80 euro per le neomamma, per cui è stato ridotto il fondo di finanziamento da 500 a 202 milioni di euro, alla conferma degli eco bonus per i lavori edilizi volti alla riqualificazione energetica, all’aumento dell’Iva previsto per il 2016 ma che il ministro Padoan ha annunciato di voler evitare.
 
Per quanto riguarda il bonus bebè, nonostante diminuite le risorse a disposizione, sarà erogato a tutti coloro che non superano i 90mila euro anni, sarà in vigore dal primo gennaio 2015 fino al 31 dicembre 2017, e prevederà ogni mese l’erogazione di un importo annuo di 960 euro. Novità anche per partite Iva e nuovo regime dei minimi che, dal 2015, varrà per chi percepisce redditi compresi tra i 15mila e i 40mila euro, in base al tipo di attività professionale che si svolge, con tassazione sarà compresa tra il 5 e il 15%. Oggi per far parte del regime dei minimi bisogna guadagnare fino a 30mila euro e la tassazione è al 5%.

Mentre si attende con ansia, nonostante le ultime notizie non siano poi così positive, una soluzione per il pensionamento dei 4mila lavoratori della scuola di Quota 96, per cui la Puppato ha presentato una nuova interrogazione al ministro dell’Economia Padoan al fine di richiedere interventi precisi e, possibilmente, i tempi brevi, nessuna novità arriva nemmeno in merito all’iter della discussione in Commissione Giustizia sulle misure di indulto e amnistia.

L’unica cosa certa è che tale dibattito spacca ancora il governo, decisamente diviso tra chi auspica l’approvazione delle misure di clemenza per risolvere in tempi brevi l’emergenza delle nostre strutture carcerarie, come il presidente della Repubblica Napolitano, e chi ritiene invece, come il premier Renzi, che non siano le misure definitivamente risolutive di una questione che invece dovrebbe prevedere misure molto più efficaci. E gli ultimi numeri, dopo l’approvazione delle misure compensative del decreto carceri, parlano di una riduzione dei detenuti, calati da 70mila a 54mila, meno sì ma comunque ancora tanti.

E’ stato intanto approvato oggi dalla Camera approvato il maxiemendamento sostitutivo al decreto sblocca Italia, che passa ora al Senato, dove deve essere convertito in legge entro il prossimo 10 novembre. Tra le misure contenute, innanzitutto, non ci sarà la riduzione dell’Iva al 4% per chi effettua lavori di ristrutturazioni, come era stato proposto. Nessun aumento Iva al 10% nemmeno sui nuovi immobili.

Via libera inoltre alla manutenzione straordinaria ricorrendo alla Cil piuttosto che alla Scia, ma servirà un’ulteriore dichiarazione del tecnico per attestare la compatibilità antisismica del lavoro. Salta, invece, la deduzione del 20% dal reddito dal prezzo di acquisto di un immobile. E salta anche il bonus del 50% delle aliquote di prodotto per i Comuni coinvolti nelle estrazioni di gas.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il