Riforma pensioni: si lavora per proroga contributivo ed estensione a uomini oltre a donne e ad alcune modifiche

La riforma delle pensioni passa dall'estensione del sistema di calcolo dell'assegno previdenziale con il metodo contributivo.

Riforma pensioni: si lavora per proroga


La partita della riforma pensioni è ancora aperta. Lo dimostrano le novità e le ultime notizie che arrivano dal mondo politico. In sede di discussione della legge di stabilità in parlamento, infatti, arriveranno gli emendamenti al testo governativo. E molti di questi riguarderanno la questione previdenziale. Il punto di partenza è naturalmente rappresentato dall'inesistente budget a disposizione dell'esecutivo per introdurre cambiamenti. Le misure ipotizzate dovranno avere un impatto limitato per le casse dello Stato ovvero essere praticamente a costo zero.

Ecco allora che si parla con molta insistenza del prolungamento del sistema di calcolo dell'assegno previdenziale con il metodo contributivo per le donne e il parallelo allargamento di questa modalità per gli uomini. In questo modo i lavoratori hanno la possibilità di ritirarsi con qualche anno di anticipo in cambio di una riduzione dell'importo ricevuto. In questo modo lo Stato potrebbe risparmiare in spesa previdenziale e in contemporanea dare il via a un processo di ricambio generazionale.

A proposito di conti, l'Italia si è impegnata ad aumentare la correzione del deficit strutturale da 0,1 a 0,3 punti percentuali, ossia 4,5 miliardi di euro. Il Tesoro ha così abbassato il deficit complessivo 2015 dal 2,9 al 2,6% del Pil. La manovra complessiva è di 36 miliardi: la parte finanziata in deficit si abbassa da 10 a circa 6 miliardi. Dalla conferenza dei capigruppo di Montecitorio dove il governo non ha chiesto la votazione a maggioranza qualificata sullo spostamento del pareggio di bilancio, è poi emerso che il Parlamento voterà a maggioranza semplice soltanto la nota di variazione Def dopo le modifiche apportate.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il
Puoi Approfondire