BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2015 precompilato: come funziona. Per chi e quando arriva. Commercialisti e Caf, ruolo e responsabilità. E' ufficiale

Via libera al 730 precompilato per lavoratori dipendenti e pensionati. Chi lo accetta non avrà controlli. Coinvolte 30 milioni di persone.




Il nuovo modello 730 2015 per la dichiarazione dei redditi arriverà a casa già compilato. Il via libera è arrivato ieri sera dal governo Renzi con il decreto Semplificazioni che dà attuazione alla delega fiscale approvata dal Parlamento. Il modello è riservato a dipendenti e pensionati, come l'attuale 730 e conterrà assicurazioni su vita, morte e contro gli infortuni, contributi per la previdenza complementare, contributi previdenziali e assistenziali, interessi passivi di mutui. Sulla carta la platea è di 30 milioni, ma è prevedibile che solo una parte faccia questa scelta. Il nuovo sistema sarà introdotto in via sperimentale.

Le date da segnare sul calendario sono 4: entro il 28 febbraio, assicurazioni, banche, enti previdenziali e fondi pensione dovranno comunicare all'Agenzia delle Entrate i dati necessari. Entro il 7 marzo i datori di lavoro dovranno trasmettere le certificazioni dei redditi. La dichiarazione sarà resa poi disponibile ai contribuenti entro il 15 aprile: potranno ritirarla o direttamente online oppure tramite il Caf o il commercialista. Quest'ultimi avranno la responsabilità dell'azione: i successivi ed eventuali controlli saranno eseguiti su chi ha apposto il visto di conformità.

Il termine comune per la presentazione è il 7 luglio. Se il contribuente deciderà di accettare la dichiarazione proposta dal fisco, si metterà al riparo da ulteriori controlli e richieste, altrimenti potrà inserire ulteriori dati relativi alla propria posizione.

Tuttavia non è passato in silenzio l'allarme lanciato da Enrico Zanetti, sottosegretario all'Economia, nel corso di un convegno alla Luiss di Roma: "Non è scontato che riusciremo ad attuare tutta la delega fiscale, dobbiamo darci una mossa".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il