BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Carta circolazione: aggiornamento 3 novembre 2014 libretto e patente auto. Per chi è obbligatorio, regole ufficiali Ministero

Scatta l'obbligo di comunicare alla Motorizzazione il nome di chi utilizza per periodi superiori a 30 giorni un veicolo del quale non è intestatario.




Cambiano le regole per i veicoli, i motoveicoli e i rimorchi. Le novità saranno in vigore da lunedì 3 novembre 2014. La principale riguarda l'obbligo di far coincidere l'intestazione di un mezzo in dotazione da più di 30 giorni con il suo reale proprietario. Non si tratta di un cambiamento dell'ultim'ora poiché era già stato incluso nel Codice della strada, ma solo adesso con l'attivazione delle procedure informatiche coordinata dal Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, diventa realtà. L'aggiornamento della carta di circolazione deve essere richiesto all'ufficio del dipartimento per i Trasporti.

I costi dell'operazione saranno pari a 16 euro di imposta di bollo, a cui vanno aggiunti 9 euro di diritti di motorizzazione, per un totale di 25 euro. Per gli inadempienti, la sanzione minima è di 705 euro. Ci sono due aspetti da tener presente: le disposizioni non saranno retroattive e non sarà valido per i conviventi che risiedono sotto lo stesso tetto. Resta poi l'oggettiva difficoltà a risalire alla scadenza dei 30 giorni previsti. Ecco allora che più che le famiglie, il provvedimento sembra interessare maggiormente le le pubbliche amministrazioni, le società di autonoleggio e le flotte aziendali.

Di più, non sono coinvolti i veicoli aziendali dati in fringe benefit poiché il comodato è un contratto a titolo gratuito, così come sono esclusi quelli noleggiati in cui appare il nome dell'azienda.

Sono inclusi la variazione di denominazione di enti e imprese o di generalità di persone fisiche; l'affidamento in custodia giudiziale; l'intestazione a soggetti incapaci; l'immatricolazione di veicoli con targa Polizia locale; l'uso da parte di eredi dell'intestatario defunto, il rent to buy, il veicolo che fa parte del patrimonio di un trust e viene utilizzato dal trustee.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il