BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Quota 96: ultime notizie, novità e ultimissime oggi lunedì 3 Novembre 2014 e settimana

Dopo smentite e segnali negativi dalla Leopolda, nuove interrogazioni parlamentari aprono nuove speranze di soluzione per i Quota 96 della scuola. Cosa chiedono?




Prima il  ministro Giannini delude le speranze di tutti annunciando che per i Quota 96 non ci sarà alcun provvedimento nella Legge di Stabilità e che probabilmente i 4mila lavoratori della scuola interessati saranno reimpiegati nell’organico funzionale, poi nuove indicazioni negative arrivano al termine della Leopolda, dove si sono presentati in tanti appartenenti ai Quota 96, tornati a casa senza alcuna risposta concreta.

Uno dei Quota 96 ha postato sul gruppo Facebook il suo resoconto della Leopolda raccontando ‘ ‘Non ci sono buone notizie. Ho parlato con Simona Malpezzi la quale mi ha riferito che il governo ha altre priorità. Ha aggiunto che si potrebbe scatenare un effetto domino di altre categorie di lavoratori e ha concluso riferendo che probabilmente finiremo in un organico a parte come affermato dal ministro Giannini recentemente. Sarò nuovamente presente , ma una noce nel sacco non fa rumore’.

Ma nuove possibilità si aprono dopo la presentazione di nuove interrogazioni al governo: la senatrice Puppato del Pd ha presentato infatti una interrogazione parlamentare al ministro dell’Economia Padoan per sapere cosa si ha intenzione di fare per risolvere il caso dell’ingiustizia che sta toccando questi lavoratori ormai da quasi tre anni. La Puppato chiede al ministro Padoan perché non si pensa di investire “parte delle risorse liberate dal nuovo sistema di conteggio del PIL per correggere l'errore e sancire dunque con forza il principio per cui il diritto acquisito del singolo non è ritrattabile dallo Stato senza il consenso dello stesso”.

Altra interrogazione è stata presentata dalla deputata Pes del Pd che chiede ai ministri competenti “la possibilità ottenere una proroga dei trattenimenti in servizio nella Pubblica Amministrazione. I revocati sono quei dipendenti della P.A.,tra cui molti insegnanti, ai quali è stata tolta la proroga di permanenza in servizio di due anni oltre l’età pensionabile: con i deputati Pd della commissione Cultura, di cui faccio parte, abbiamo presentato un’interrogazione ai Ministri della Pubblica amministrazione e dell’Istruzione per chiedere di valutare l’opportunità, essendovi ancora i tempi tecnici,di intervenire sul pensionamento dei Quota 96 e sul mantenimento in servizio, per il periodo di proroga già ottenuto, dei revocati”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il