BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge Stabilità: pensioni, riforma tasse, Isee 2015, scuola, detrazioni. Cambiamenti nei tanti passaggi da fare prima approvazione

Nuove modifiche alla Legge di Stabilità 2015 con proposte ed emendamenti in Parlamento: le possibili novità il prossimo 24 novembre




Approda in Aula il prossimo 24 novembre la Legge di Stabilità 2015 ma prima delle discussioni in programma, si terranno discussioni nelle varie commissioni della Camera e del Senato tra cui quella, la più importante, Commissione Finanza. E qui saranno presentate proposte per modifiche ed emendamenti che saranno poi discussi e votati dal 24 novembre alle Camere. Dopo l'approvazione della nota di aggiornamento al Def, si prospetta la possibilità di un aumento delle aliquote Iva, sia di quella ridotta dal 10 al 13%, sia di quella ordinaria dal 22% al 25,5% in tre anni e potrebbero aumentare le accise. Se effettivamente l’Iva sarà aumentata, rappresenterà una vera stangata sui consumi che crollerebbero, secondo le previsioni, a picco.

Il governo precisa la Legge di Stabilità per il 2015 rimane comunque immutata con misure e interventi  per rilanciare la crescita economica. Sono tuttavia in arrivo anche emendamenti volti a modificare principalmente le questioni, spaziando su ogni aspetto di essere, dalle novità chieste per pensioni di invalidità per i civili e di reversibilità, ad aumenti per le pensioni minime, all’approvazione di piani di uscita anticipata, magari solo per determinate categorie di lavoratori, ad una no tax area per pensionati, nonché alla cancellazione delle penalizzazioni per chi chiede di andare in pensione prima dei 62 anni, alla possibilità di prepensionamento per il personale ferrorivario.

Nuove interrogazioni parlamentari presentate anche per chiedere soluzioni e ulteriori risposte per la questione dei Quota 96 della scuola, intanto, si è ridotto già il fondo a disposizione per il nuovo bonus bebè 2015, calato da 500 a 202 milioni di euro, che verrà comunque erogato a coloro che percepiscono fino a 90mila euro e fino al terzo anno di vita del proprio figlio, naturale o adottato. Il bonus varrà per tutti, cittadini italiani, comunitari o extracomunitari purchè con regolare permesso di soggiorno in Italia.

Confermati eco bonus per lavori di ristrutturazioni edilizie, e sarebbero pronti ad arrivare nuovi e nuove tasse, anche su scuola e per i disabili. Per questi ultimi, dovrebbe essere tagliato il fondi che dovrebbe ridursi di ben 100 milioni, scendendo così da 350 a 250milioni di euro.  Anche le associazioni dei mutilati e invalidi del lavoro, potrebbero vedersi ridurre i contributi pubblici. “Abbiamo espresso un no secco, rotondo e deciso ad ogni taglio ai fondi”, ha detto il presidente della Fish, Vincenzo Falabella, “chiedendo anzi un impegno che porti nel giro di tre anni lo stanziamento a un miliardo unitamente all’avvio di politiche adeguate”. Per quanto riguarda le scuole, dovrebbero arrivare meno soldi per corsi informatica, lingue, teatro, fotografia, ma anche per progetti scolastici e gite annuali.

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il