BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 5.0 Lollipop: quando e come scaricare e installare sorgenti, Ota, Factory Image. In ritardo per bug

Il nuovo aggiornamento Android 5.0 Lollipop farà lentamente approdo sulle versioni più recenti di smartphone e tablet. Qualcosa inizia a muoversi.




Il rilascio di Android 5.0 Lollipop è stato ufficialmente annunciato per lo scorso 3 novembre. Il primo dispositivo a riceverlo è stato il Nexus 9, il nuovo tablet realizzato da Google con la collaborazione di Motorola. Insieme al phablet Nexus 6, è la novità di Mountain View sul versante hardware. Tuttavia sono molte le domande senza risposte: su tutte resta da capire quando sarà dato il via al rollout. Si sa che il software approderà in prima battuta sui device a firma BigG ovvero Nexus 5, Nexus 10, Nexus 7 e Nexus 4, ma non ci sono comunicazioni ufficiali.

Se per il rilascio delle Factory Image di Android 5.0 sarà necessario aspettare ancora qualche altro giorno, sono già noti i primi device della gamma Nexus per cui il codice sorgente del software è stato già introdotto nell'AOSP (Android Open Source Project): Nexus 7 (2013) LTE deb, Nexus 7 (2013) Wi-Fi flo, Nexus 7 (2012) 3G tilapia, Nexus 7 (2012) Wi-Fi grouper, Nexus 10 manta, Nexus 5 hammerhead, Nexus 4 mako. In questo modo gli sviluppatori di terze parti potranno realizzare le custom ROM per smartphone e tablet, fra cui la già annunciata CyanogenMod 12.

A rendere il clima poco chiaro sono le indiscrezioni di blog di settore che riferiscono della presenza di inattesi problemi. Il primo elenco dei dispositivi che sicuramente supporteranno Android 5.0 Lollipop circola da tempo sul web: Samsung Galaxy S5, Samsung Galaxy Note 4, Samsung Galaxy Note 3 e Samsung Galaxy Alpha, LG G2 e LG G3, HTC One M8, HTC One M7 e HTC One Mini, Xperia Z, Xperia ZL, Xperia ZR, Xperia Tablet Z, Xperia Z Ultra, Xperia Z1, Xperia Z1S, Xperia Z1 Compact, Xperia Z2, Xperia Tablet Z2, Xperia Z3, Xperia Z3v, Xperia Z3 Compact, Xperia Tablet Z3 Compact.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il