BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: voto in primavera per referendum Lega per abolire Legge Fornero.Manca solo un passo

Via libera dalla Corte di Cassazione a referendum abrogazione riforma pensioni. Si attende ora la Corte Costituzionale intanto si vagliano le proposte di modifica




Primo via libera dalla Corte di Cassazione al referendum abrogativo della riforma pensioni Fornero, per cui sono state raggiunte le 500mila firme. Il leader della Lega Matteo Salvini, che ha indetto il referendum, ha infatti annunciato ‘Oggi la Cassazione ha certificato che quota 500 mila firme è stata raggiunta’ e su Facebook ha scritto ‘Grazie a tutti voi!!! Ora manca l’ultimo passaggio, l’ok della Corte Costituzionale. Se a Roma non ci faranno scherzi, in primavera si cancella la Fornero’.

Le firme raccolte nei banchetti allestiti dalla Lega, dalla scorsa primavera, e nei municipi erano state consegnate in Cassazione a giugno. La Lega chiede non solo l'abrogazione della riforma Fornero sulle pensioni, ma anche la cancellazione della legge Merlin sulla prostituzione, della legge Mancino sui reati di opinione, l'abolizione delle prefetture e l'esclusione degli stranieri dai concorsi pubblici. Opinabili tutte le richieste esattamente come quella di cancellazione totale della legge Fornero eppure gran parte degli italiani sta sostenendo questo progetto di referendum che dovrebbe arrivare la prossima primavera.

Intanto, per evitare la cancellazione totale dell’attuale legge pensionistica e cercare di ‘preservare’ quegli 80 miliardi di euro di risparmi che tale legge assicura fino al 2021, si pensa a modifiche ulteriori che possano modificare la riforma per renderla più flessibile e sostenibile senza però stravolgerne completamente l’impianto. Ma per evitare che il referendum la cancelli, è necessario che tali modifiche arrivino in tempi brevi.

Vengono auspicati da tempo interventi per garantire l’uscita anticipata ai lavoratori che vogliono andare in pensione prima e considerando i sistemi a costo zero pensati, è il caso che si inizi davvero a valutarne l’ipotesi di approvazione. Ma non solo: per una riforma pensioni Renzi, come del resto riportano le ultime notizie, sono stati presentati diversi nuovi emendamenti da discutere prima del voto finale, previsto per il 24 novembre, della nuova Legge di Stabilità in modo da inserire le eventuali novità nella Manovra 2015.

E le richieste spaziano dall’approvazione del sistema di uscita anticipata a 62 anni, invece che a 66 anni, con 35 anni di contributi e penalizzazioni sull’assegno finale, come proposto da Cesare Damiano, che proprio in questi giorni ha anche avanzato l’ipotesi di uscita a Quota 100; alla proroga dell’opzione contributivo donna, da estendere anche agli uomini; alla richiesta di erogazione del bonus di 80 euro anche ai pensionati; alla revisione delle pensioni di reversibilità e invalidità, nonché una no tax area per i pensionati che percepiscono pensioni minime.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il