BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Scuole chiuse: situazione a Messina, Catania, Guidonia e Gallipoli. Siciali, Calabria e Campania allerta oggi venerdý 7 Novembre

Allerta maltempo nelle regioni del Centro-Sud Italia. Scuole e universitÓ chiuse a Roma. Migliaia gli sfollati a Carrara. La situazione




AGGIORNAMENTO: Ultime notizie di oggi venerdì 7 Novembre 2014. Dopo la tempesta abbutatasi su Roma ieri, la situazione nella capitale è leggermente migliorata pertanto le scuole, di ogni grado, torneranno ad essere aperte. Situazione in peggioramento invece nel Sud Italia in cui in molti comuni, per oggi, è stata decisa la chiusura delle scuole per precauzione, stiamo parlando soprattutto di Campania, Basilicata e le città del versante ionico della Sicilia. Ecco le principali città che hanno deciso per il blocco delle lezioni anche per oggi 7 Novembre: Sarno, Catania, Messina, Enna, Assoro, Nicosia, Aidone, Catanzaro, Locri, Ragusa, Ispica. Ma anche alcune scuole di Torre del Greco, Ercolano e Portici rimmarranno chiuse. E ancora Gallipoli, Alezio, Racale, San Giorgio Ionico, Grottaglie, Carosino. Scuole invece di nuove aperte nella provincia di Viterbo e Roma.

AGGIORNAMENTO: L'acqua continua a cadera sulla capitale, anche se con meno intensità. Infatti dopo la fase acuta avuta questa mattina tra le 7 e le 9, in cui si sono verificati pochi disagi grazie alla chiusura delle scuole, e alla bomba d'acqua caduta sulla città alle 15, con anche grandine grande alcuni centimetri, la situazione sta lentamente migliorando. Molti ancora i disagi con strade chiuse, GRA in alcuni tratti bloccato dal traffico a causa di alcune carreggiate allagate. La metro, dopo la temporanea chiusura di alcune stazione, invece ha completamente ripristinato il servizio. Forti disagi sul litorale romano, in modo particolare a Fiumicino dove addirittura alcune zone dei terminal sono state completamente allagate. Per domani, al momento, il prefetto comunica che le scuole riapriranno, infatti l'allerta meteo alla mezzanotte dovrebbe passare al codice arancione.

AGGIORNAMENTO: Come previsto le forti piogge sono arrivate a Roma alle 15 colpendo soprattutto il sud della città, la grandine invece ha interessato la parte nord (cassia in particolar modo). Il sindaco Marino ha comunicato che secondo la protezione civile in ogni caso la situazione andrà migliorando e che nella notte il codice passerà da rosso ad arancione. Resta alta invece l'attenzione a sud di Roma, nel basso Lazio e campania che tra poche ore dovranno affrontare l'allerta meteo. Scuole aperte, quindi, almeno per il momento a Roma e provincia, e anche nella tuscia viterbese. In questo momento a Roma le stazioni della metro sono aperte, mentre alcune strade, come la panoramica, sono state chiuse perchè allagate.

AGGIORNAMENTO: Ancora disagi nella capitale. Le ultime notizie sull'allerta meteo a Roma parlano di danni contenuti, ma di numerosi disagi, in parte per fortuna evitati, grazie alla chiusura delle scuole. Tutte le stazioni della metro ora sono di nuovo aperte tranne Porta Furba. Decine di sottopassi sono allagati. Inpraticabili anche molte strade. Ben 6 voli, sono stati deviati da Ciampino all'aeroporto di Fiumicino. Anche i siti archeologici sono tutti chiusi. In mattina anche Fiumicino aveva subito disagi con la conseguenza di alcuni ritardi sui voli, problemi che stanno rientrando grazie ad una situazione migliorativa sul litorale laziale. Il sindaco di Fiumicino ha già comunicato, che salvo improvvisi cambiamenti, domani le scuole della città saranno aperte. Infatti si parla che il codice rosso sarà presto definitivamente spostato ad Arancio. A Roma tuttavia la situazione è ancora critica e si attende che il Tevere raggiunga la massima altezza nel pomeriggio, la speranza è che non vengano superati gli argini.

AGGIORNAMENTO: Ultime notizie sulle previsioni meteo: dopo i disagi a Nord la perturbazione si sopra al centro sud causando ancora situazioni pericolose. Bollino rosso in molte regioni d'Italia. A Roma e provincia scuole, università (non tutte) e cimiteri chiusi per evitare i disagi che proprio in queste ore si stanno moltiplicando: tre stazioni della metro allagate e chiuse, alberi che si spezzano creando pericoli e bloccando il traffico e addirittura un vetro della finestra è caduto ferendo in modo lieve un passante. L'allarme rosso al momento è confermato fino a domani venerdì 7 Novembre alle 12.00

E’ di nuovo allerta meteo sull’Italia: tante le regioni e le città che dovrebbero essere particolarmente colpite dalle forti precipitazioni che stanno per abbattersi nuovamente sul nostro Paese. Le novità, ultime notizie e previsioni meteo aggiornate in tempo reale di oggi e domani giovedì e venerdì 6-7 novembre 2014 parlano di situazione critica a Roma, Alessandria, Parma, Carrara, La Spezia, Catania, Messina, Venezia.

Da ieri sera è allerta maltempo a Roma: il prefetto Pecoraro ha deciso di chiudere oggi, giovedì 6, novembre tutte le scuole. Chiusi gli atenei della Sapienza e Roma Tre, mentre il rettore dell'università di Tor Vergata ha deciso di non sospendere le lezioni, anche se “sono state allertate le strutture competenti”. Per oggi 6 novembre è previsto il codice rosso soprattutto sulle zone sud, sud-ovest e nord di Roma per ‘probabili intensi rovesci temporaleschi e allagamenti’. Secondo quanto spiegato dal prefetto, “Quella di giovedì 6 novembre è una situazione che si dovrebbe presentare eccezionale e senza precedenti, dal punto di vista delle previsioni. Vogliamo lanciare un appello: si esce di casa per lavoro o per necessità importanti. Ove non ci siano queste motivazioni è meglio rinviare ad altra data”.

Non va meglio nel resto d’Italia: a Carrara, migliaia di persone sono sfollate per l'esondazione del fiume Carrione, ma il sindaco della città Angelo Zubbani ha rassicurato: “Non ci sono né morti né feriti, i dispersi sono stati rintracciati e stanno bene”. A Carrara, a causa delle forti precipitazioni che hanno portato ad allagamenti, i vigili del fuoco sono dovuti intervenire con elicotteri e gommoni per aiutare decine di persone, che erano rimaste intrappolate nelle case o bloccate sui tetti.

Acqua alta a Venezia e continua a piovere sul Piemonte dove a risentire delle peggiori situazioni sono Alessandria, e le zone del Biellese e Verbano. Piogge intense anche in Liguria, dove è tornata la paura a pochi giorni di distanza dall’alluvione che ha colpito Genova. A causa dell'esondazione del torrente Parmignola sono state evacuate diverse famiglie nel comune di Ortonovo, ingenti i danni provocati dalla mareggiata a Santa Margherita Ligure, e a causa delle forti piogge sono state evacuate diverse persone anche nella provincia di La Spezia. Allarme maltempo anche a Parma e per i Comuni emiliani di S. Secondo Parmense, Noceto, Fontanellato, Fontevivo, Roccabianca, Sissa Trecasali.

Maltempo previsto anche in Campania dove sono stati interrotti i collegamenti con le isole a causa del mare molto mosso e forti raffiche di vento, mentre Catania è stata investita da un’inaspettata tromba d’aria che ha provocato danni in città. Il maltempo non risparmierà neppure Calabria e Sardegna.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il