Pensioni, riforma Legge Stabilità, quota 96, amnistia, indulto, Sblocca Italia, Giustizia: novità oggi e questi ultimi giorni

Approvato decreto Sblocca Italia mentre si attendono ancora risposte su misure di indulto e amnistia e novità pensioni: cosa cambia per le questioni del governo Renzi

Pensioni, riforma Legge Stabilità, quota


Si continua a discutere di emendamenti di modifica alla riforma pensioni attuale, modifiche che si stanno rendendo sempre più necessarie da attuare per una situazione previdenziale sempre più negativa e ben evidente. Non solo i moniti lanciati da Fmi prima e Ue dopo per intervenire sul sistema pensionistico troppo esoso per l’Italia, ma anche gli ultimi dati allarmanti sulla condizione di vita dei pensionati italiani e sull’ultima novità di una rivalutazione addirittura negativa delle pensioni, a causa di un Pil i perenne crollo.

Spazio, dunque, alle ipotesi di uscita anticipata e flessibile, a costo zero e a fronte di penalizzazioni, ma che quanto meno permetterebbero, a chi lo richiede, di andare in pensione prima senza dover rispettare gli attuali rigidi requisiti pensionistici imposti, e permetterebbero anche di modificare la legge Fornero che, con i suoi 80 miliardi di risparmi che garantisce, rischia di essere completamente cancellata dal referendum abrogativo proposto dalla Lega Nord e che ha ricevuto il primo via libera dalla Cassazione.

Non solo pensioni: pioggia di emendamenti che spaziano da bonus bebè, revisione della tassazione sulla previdenza complementare, dubbi sul Tfr in busta paga, aumento Iva che si scongiura, novità Isee e scontrini fiscali, continuano ad arrivare per la nuova Legge di Stabilità, mentre le questioni di indulto e amnistia continuano a spaccare il mondo politico, fra chi ne chiede l’approvazione e chi invece, come lo stesso premier Renzi, pensa a misure più risolutive per l’emergenza carceraria.

E’ stato invece approvato ufficialmente il Decreto Sblocca Italia e nuovi spiragli si aprono per i Quota 96 della scuola, non solo per nuovi emendamenti e interrogazioni presentate, ma anche, e soprattutto, a seguito dell’ultima sentenza del Tribunale di Salerno, che ha riconosciuto il pensionamento di 42 docenti salernitani di Quota 96, correggendo così la Legge Fornero che li ha bloccati nel loro percorso verso la pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il