BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: incontro Maggioranza e discussione. Tra i vari temi, diversi punti previdenza

Incontro di maggioranza in vista e probabile discussione su riforma pensioni ed eventuali interventi: cosa si potrebbe ancora fare?




In vista del vertice di maggioranza, il premier Renzi ribadisce l’intenzione di andare avanti con le riforme e con l'Italicum ma esclude il voto anticipato, guardando a Forza Italia come il migliore alleato. L'obiettivo è quello di andare avanti con le riforme, almeno fino al 2018 e, per farle, il governo è pronto ad aprire a chi non ci sta, come il Movimento 5Stelle.

Tra gli argomenti in discussione probabilmente anche la previdenza almeno per quanto riguarda la rivalutazione negativa, per cui lo stesso Inps ha chiesto interventi, ma non si può escludere che si parla di altri interventi come no tax area e flessibilità in uscita, temi caldi per la minoranza del Pd, ma anche per NCD e Alfano che ci terrebbe a portarli avanti per fare bella figura.

Su valore degli assegni pensionistici pesano, infatti, gli effetti dell’andamento del Prodotto interno lordo, cioè del Pil, con la conseguenza di far scivolare la rivalutazione in territorio negativo. Il coefficiente, negativo (-0,1927%), infatti, svaluta invece di rivalutare le pensioni e, secondo le stime e ultime notizie, chi lascerà il lavoro nel 2015 avrà una pensione inferiore a quanto previsto ma solo di pochi euro, grazie al peso del sistema retributivo.

Il problema tuttavia rimane: intervenire sulla riforma pensioni significherebbe anche riportare a giusta rivalutazione per i pensionati quel montante contributivo accumulato negli anni di lavoro, senza considerare che approvare piani di uscita anticipata, richiesti da tutti e da mesi, consentirebbe non solo ai lavoratori in difficoltà di lasciare il lavoro prima di quanto oggi previsto, ma anche di creare, di conseguenza, nuovi posti di lavoro per quei giovani che oggi vanno ad ingrossare le fila, sempre più numerose, di disoccupati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il