BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Nexus 6 delude molti appassionati Android, mentre Project Ara e nuove indicazioni fanno davvero ben sperare

Non solo il Nexus 6, la società di Mountain View è impegnata sul fronte hardware anche con il Project Ara per la composizione dello smartphone.




Fra accelerazioni e lunghe pause, inizia a prendere quota il Project Ara ovvero la scommessa di Google di realizzare dispositivi modulari. In buona sostanza gli utenti potranno personalizzare lo smartphone a proprio piacimento, scegliendo le componenti e le caratteristiche sulla base delle proprie esigenze. Dalle parti di Mountain View si dicono certi: il futuro passa da qui. I vantaggi per i consumatori sono almeno 3: il telefono sarà meno costoso, migliore e più rispettoso dell'ambiente. Ciascun terminale godrà infatti di vita più lunga e quando se ne sentirà il bisogno sarà possibile migliorare, ad esempio, la qualità del sensore della fotocamera o il processore.

In realtà esistono già i primi prototipi, ma non sono ancora perfettamente funzionanti ed esteticamente accattivanti per una diffusione in grande stile delle immagini. A ogni modo, per avere un'idea più concreta, è possibile consultare le foto sul Project Ara pubblicate in questa pagina dal sito engadget.com, tratte da un incontro pubblico di Paul Eremenko, Technical Project Lead del progetto. Fra l'altro, è stato mostrato il dispostivo in funzione mentre a bordo girava Angry Birds.

Il Project Ara è il completamento dell'impegno di Mountain View sul versante hardware, che la vede recente protagonista con il lancio sul mercato del Nexus 6. Il prossimo smartphone di Google, realizzato con Motorola, rappresenta un top di gamma a tutti gli effetti, costi inclusi. In Italia è disponibile alla doppia cifra di 649 euro per il modello da 32 GB e di 699 euro per quello da 64 GB. Si tratta di prezzi poco competitivi ovvero ben distanti dai poco più di 300 euro richiesti da BigG per il precedente top di gamma. La strategia commerciale è stata comunque studiata nei minimi dettagli e dalle parti di Google si dicono sicuri del successo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il