BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: calcolo INPS assegno rivalutazione negativo.Quanto si perde senza interventi

Rivalutazione negativa delle pensioni quest’anno la prima volta: i motivi della svalutazione e come fare per impedirlo




Per la prima volta, quest’anno, le pensioni saranno rivalutate in negativo, a causa dell’andamento del Pil italiano. Una nota congiunta dei sindacati cha già chiesto al governo e al Parlamento la correzione del meccanismo di svalutazione del montante contributivo delle pensioni. Secondo Cgil, Cisl e Uilciò che non va è il meccanismo di rivalutazione del montante contribuivo valido per tutti i lavoratori da gennaio 2012 e che rischia di svalutare, invece che accrescere, i trattamenti pensionistici a causa dell'andamento negativo del Pil.

Praticamente, questa svalutazione di traduce in una diminuzione del valore dei contributi versati nel corso della propria attività lavorativa, piuttosto che in un aumento. Se, per esempio, sono stati versati 10mila euro il taglio sarà pari a circa 20 euro (9.980,73); se il montante è 100mila euro il taglio sarà di circa 200 euro; se è di 200mila euro, sarà di 400 euro. La notizia sarà ancor più brutta per chi calcolava la pensione con sistema misto al 31 dicembre 2011. Ecco il motivo per cui i sindacati ritengono che “bisogna intervenire con urgenza correggendo tale grave anomalia per non impoverire ulteriormente il futuro pensionistico di milioni di italiani”.

In risposta ai tanti timori già espressi, Lello Di Gioia (Psi), presidente della commissione bicamerale di vigilanza degli enti previdenziali, ha dichiarato “A quanto mi risulta ci si sta muovendo perché già in questa legge di Stabilità possa essere inserita la modifica alla modalità di calcolo del tasso annuo di capitalizzazione in modo che non possa diventare negativo”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il