BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 5: come funziona, prime impressioni e commenti dopo prove e video test. Problemi e miglioramenti

Le prime prove video su Android 5.0 Lollipop raccontano di grandi miglioramenti nell'esperienza d'uso. Domani sarà forse il giorno del rollout.




In attesa della distribuzione su larga scala di Android 5.0 Lollipop, sono già spuntate le prime prove video. Il modello coinvolto è il top di gamma LG G3, fra i primi smartphone a ricevere l'upgrade di sistema operativo. La release presa sotto esame dal sito di TuttoAndroid che ha effettuato il test e il cui filmato è visibile al termine di questo articolo, non è quella definitiva. Le conseguenze sono di diverso tipo: sebbene l'interfaccia sia praticamente quella finale, prestazioni e stabilità possono essere sicuramente migliorati nel passaggio alla versione definitiva. I commenti sono comunque positivi.

Altre prove sono arrivate dal sito SamMobile che ha mostrato una release non definitiva di Android 5.0 in azione sia sul Samsung Galaxy S5 e sia sul Samsung Galaxy S4. Di più, ha realizzato un video sul suo canale YouTube con cui mette un confronto il precendete KitKat dal nuovo Lollipop in esecuzione sul Galaxy S4. La conclusione è presto detta: il rinnovato software porterà un enorme miglioramento al funzionamento del device, dandogli nuova linfa vitale. Vengono passati al setaccio le novità più interessanti come i cambiamenti apportati con il Material Design e la rivisitazione delle app.

Fra le novità più interessanti di Android 5.0 Lollipop c'è il supporto ai 64-bit, utile per far gestire maggiore potenza al sistema operativo. Grazie a Project Volta può essere tenuto sotto controllo il consumo energetico. In questo modo gli sviluppatori di app e gli stessi utenti possono valutare dai rispettivi punti di osservazione l'autonomia della batteria. Non passano poi inosservati il supporto alla modalità digital audio USB e il nuovo audio multicanale che portano a un livello superiore la qualità dell'audio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il