BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge stabilità: pensioni, riforma tasse, Isee 2015, bonus bebè, Tfr anticipato. Emendanti ammessi e cancellati al momento

Emendamenti cancellati e quelli ancora in discussione per la definizione della nuova Legge di Stabilità 2015: cosa prevedono e cambiamenti in vista




Sono 1600 gli emendamenti alla Legge di Stabilità cancellati, ne rimangono in discussione 2.100 e le modifiche potrebbero toccare il nuovo bonus bebè, per cui dovrebbe abbassarsi la soglia di reddito entro cui chiederlo, giù probabilmente da 90 a 70mila euro; una local tax che inglobi tutte le imposte sulla casa; modifiche per il nuovo Isee 2015; interventi sulla riforma pensioni, anche se sembra abbastanza difficile che qualcosa cambi in merito, eccezion fatta, probabilmente, per la questione dei Quota 96 della scuola, all’indomani della recente sentenza del Tribunale di Salerno, che ha approvato l’accesso alla pensione a 42 docenti di Quota 96 salernitani.

E questa sentenza potrebbe creare un precedente per tutti gli altri interessati alla questione, che, nel frattempo, è arrivata anche all’attenzione della Corte Costituzionale.  Gli emendamenti alla Legge di Stabilità 2015 riguardano voci importanti come una tassazione semplificata per chi chiede il Tfr in busta paga, un dietrofront sull’aumento dall’11,5% al 20% della tassazione sui fondi pensione e sulle casse previdenziali, la deducibilità Imu degli immobili produttivi, la riforma patronati, e le novità partita Iva per l’adesione al regime fiscale dei minimi per i lavoratori autonomi.

Per il Tfr in busta paga, è stato dichiarato inammissibile l’emendamento del Pd che voleva una tassazione separata, non cumulabile cioè con il resto dell’imponibile, ma manca la necessaria copertura, per cui non si potrà fare un passo indietro. Via libera invece ad una possibile revisione del tetto di reddito al bonus bebè, quello da 80 euro, oggi a 90.000 euro, ma che si vuole portare a 70mila euro; in discussione ancora la possibilità di aumentare la deducibilità Imu degli immobili di impresa, e di prevedere la nuova local tax che dovrebbe comprende Imu e Tasi e assorbire l’addizionale Irpef.

In discussione anche un altro emendamento per l’allargamento del reverse charge sull’Iva agli acquisti di beni effettuati da ipermercati, supermercati e discount alimentari, spostando così l’obbligo di versamento dell’imposta sul valore aggiunto dalle piccole partite Iva alle grandi catene della distribuzione.

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il