BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Nexus 6: continuano indicazioni differenti su uscita e preordini in Italia e all'estero

Non c'è ancora una data inizio vendite o prevendite del Nexus 6. Negli Stati Uniti si segnalano i primi ritardi degli operatori telefonici.




La data di uscita del Nexus 6 rimane ancora un bel mistero. Dal giorno della presentazione del nuovo smartphone di Google realizzato con Motorola, i passi in avanti sono stati ben pochi. Negli Stati Uniti è stata avviata la fase delle prevendite, ma gli acquirenti non sanno ancora fra quanto tempo potranno mettere le mani sul device.

Ora succede che T-Mobile, uno degli operatori che ha aggiunto il Nexus 6 nel proprio listino, ha ritardato di una settimana l'avvio delle vendite con abbonamento per "dare ai clienti la migliore esperienza possibile". Programmato inizialmente per oggi, l'appuntamento è slittato a mercoledì 19 novembre 2014. Gli altri carrier a stelle e strisce che propongono il terminale sono Sprint, AT&T, US Cellular e Verizon.

In questa fase di indeterminatezza e di slittamenti di programma, come metterla con l'annuncio del portale di commercio elettronico Clove UK che darà il via al preorder del Nexus 6 il 18 novembre? Seppur non è indicata la data di inizio spedizioni, altre indiscrezioni riferiscono che la data più verosimile è quella del primo dicembre. Nessuna informazione sulla data di uscita né sulla versione italiane del Play Store di Google e né su Amazon dove, tra l'altro, la scheda completa dello smartphone è presente da tempo.

Nel frattempo i pochi Nexus 6 che materialmente sono disponibili sul suolo americano, stanno ricevendo una aggiornamento di build, dall'iniziale LRX21L alla LRX21O. L'update avviene via OTA (Over-The-Air) direttamente dal cellulare. Ovviamente non è interessato il sistema operativo con cui è equipaggiato: è e rimane la versione 5.0 Lollipop di Android. C'è però chi vede in questo passaggio, che in parallelo coinvolge anche il nuovo tablet Nexus 9, l'anticamera all'avvio della distribuzione del software su larga scala. I prossimi giorni saranno decisivi per avere un quadro più chiaro della situazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il