BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, usuranti, anzianità riforma Governo Renzi: novità emendamenti Legge Stabilità sospesi ad ora, approvati, aboliti

Riduzione aumento tassazione fondi pensioni e Tfr in busta paga, riammesso emendamento per soluzione Quota 96 della scuola: possibili novità pensioni in Legge di Stabilità




Mentre si punta a ridurre l’aumento della tassazione sui fondi pensione, portandola dall’11,5 al 15% e non al 20% come previsto oggi dalla Legge di Stabilità, e a rivedere la tassazione del Tfr in busta paga, non è arrivata alcuna novità su piani di uscita anticipata e flessibile per modificare l’attuale riforma pensioni, evitando così di arrivare anche al referendum abrogativo lanciato dalla Lega, ma le belle notizie riguardano la questione dei Quota 96 della scuola. Dopo la prima cancellazione è stato, infatti, riammesso l’emendamento che chiede il pensionamento dei 4mila interessati alla Quota 96.

Due, in particolare, gli emendamenti presentati alla legge di Stabilità, uno da Sel e uno dal gruppo Libertà, per chiedere al governo di trovare una soluzione. Inizialmente dichiarati inammissibili per mancanza di coperture, poi la commissione Bilancio alla Camera ha fatto marcia indietro, probabilmente per ‘effetto’ di quella nuova sentenza del Tribunale di Salerno che, accogliendo il ricorso di 42 docenti salernitani dei Quota 96, ha permesso loro il diritto di accesso alla pensione, in realtà maturato già oltre due mesi fa.

L'emendamento, a firma Pannarale (Sel) e Airaudo, chiede una soluzione definitiva per i Quota 96, ‘questi lavoratori avevano i requisiti per lasciare il lavoro alla fine dell'anno scolastico 2011/2012. Permettergli di lasciare il servizio, come da noi sempre invocato, darebbe loro giustizia e aiuterebbe a ringiovanire il corpo docente italiano più vecchio al mondo’. La nuova proposta permetterebbe agli interessati di andare in pensione dal prossimo primo settembre 2015. Soddisfatto l'Anief-Confedir per la riammissione dell'emendamento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il