BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2015 per cellulare, computer, tablet e pagamento diretto in bolletta elettrica luce con legge nuova Governo Renzi

Stando alle intenzione del governo Renzi, cala l'importo del canone Rai, verrà inserito nella bolletta della luce e basterà il possesso di uno smartphone per esserne soggetti.




Cambiano le regole sul pagamento del canone Rai. Le novità sono almeno 3: il governo Renzi lo inserirà nella bolletta della luce, ci sarà un ritocco verso il basso rispetto ai 113,50 euro ora richiesti, e saranno colpiti anche i possessori di PC, smartphone e tablet. Il testo è stato elaborato dal sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli e lo stesso premier Matteo Renzi lo ha letto rigo per rigo prima di dare il suo via libera. La notizia coglie di sorpresa solo fino a un certo punto. Le prime ammissioni risalgono a qualche mese fa e portano la firma del sottosegretario della presidenza del Consiglio Graziano Delrio.

Come anticipato nell'edizione di oggi del quotidiano il Messaggero, la Rai punta a incassare un miliardo e 800 milioni di euro sicuri. L'ammontare dell'importo del canone dipenderà dagli indicatori Isee (Indicatore della situazione economica equivalente), rimarranno in vigore le fasce di esenzione e i bonus per i bisognosi. Secondo il quotidiano romano, la media per famiglia italiana è di circa 60 euro.

Per quanto riguarda i soggetti obbligati al versamento, la tassa non è più solo legata anche al possesso di un televisore, ma anche di un dispositivo mobile. Non è la prima volta che si delinea questo scenario. Anche i precedenti esecutivi avevano provato a concretizzare questa ipotesi ma senza alcun successo.

La misura ipotizzata non è ovviamente ancora esecutiva. Ci sono ancora molti dettagli tecnici da sistemare, senza considerare la prevedibilissima levata di scudi da parte del mondo politico. Come metterla con la questione privacy sollevata, ad esempio, da Guido Bortoni, a capo dell'Authority per l'Energia? L'impressione è che questo sia solo un capitolo di una vicenda ancora da scrivere.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il