BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 5.0: impressioni e commenti contrastanti su prestazioni dopo prime prove e test. Problemi, pro e contro

La strada scelta da Google con la nuova versione del suo sistema operativo sembra convincente, ma non mancano i primi problemi.




La distribuzione del nuovo aggiornamento di sistema operativo Android 5.0 Lollipop è ufficialmente iniziata. Sono coinvolti in prima battuta i device della gamma Nexus di Google e solo fra qualche giorno il rollout coinvolgerà i dispositivi degli altri produttori. La società di Mountain View ha introdotto molte novità seguendo la strada del restyling delle funzionalità anziché del design. E i commenti di utenti e sviluppatori sono confortanti e raccontano di buone prestazioni e una soddisfacente esperienza d'uso.

L'impatto di Android 5.0 Lollipop non viene considerato totalmente positivo. Prove e test da parte di chi ha potuto mettere le mani sul software rivelano la presenza di qualche problema di troppo. C'è un utente, Jeremy Camp, ad esempio, che ha fatto notare come l'attivazione della crittografia faccia precipitare di 5 volte le prestazioni della memoria interna del Nexus 5 da 16 GB. Non solo, ma a subire conseguenze negative, seppur con un un impatto più limitato, sono anche la navigazione sulla Rete e l'utilizzo della fotocamera posteriore e della videocamera frontale.

Restano invece da capire fino in fondo i problemi di connessione Wi-Fi lamentati dai possessori di Nexus 5 Potrebbe infatti trattarsi di casi isolati limitati a pochi utenti o della presenza di un bug che coinvolgerebbe tutti e per cui sarebbe quindi necessario il rilascio di un update correttivo. Diverso è invece il caso della durata della batteria. Non sono arrivate segnalazione di bruschi aumenti di consumo energetico. Ci sono però già molti test di chi ha provato a mettere in confronto l'autonomia degli smartphone Nexus con le varie versioni del software Android. E i numeri esibiti da quelli equipaggiati con Lollipop non sono i migliori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il