BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Gomme invernali e pneumatici e catene da neve: periodo obbligatorio, regole e spiegazioni. Per chi, quali auto e strade e come

L'obbligo di montare gomme invernali o di avere catene a bordo è già scattato. Le disposizioni variano in base alla strada percorsa.




Dal 15 novembre e fino al 15 aprile è scattato l'obbligo di circolazione con pneumatici invernali o catene a bordo. La disposizione è in vigore sono in quei comuni e in quelle strade in cui sono state emesse le relative ordinanze. Come è possibile notare dal sito pneumaticisottocontrollo.it, la regione in cui è stato emesso il maggior numero di ordinanze è l'Emilia Romagna (28), seguita dal Piemonte (17), dalla Lombardia (15) e dalle Marche (11). L'elenco è comunque in costante aggiornamento. Tanto per avere un termine di paragone, lo scorso anno sono state coinvolte 53 province e buona parte dei tratti autostradali.

Sono chiamati a rispettare le ordinanze tutti i veicoli a quattro ruote e non i ciclomotori a due ruote e i motocicli, per i quali è comunque vietato mettersi in strada in caso di neve o ghiaccio. Nel caso di inosservanza delle regole, la sanzione fuori dal centro abitato va da un minimo di 84 euro a oltre 300 euro. Nel centro abitato l'importo minimo è di 41 euro. Al pari delle altre sanzioni, nel caso di pagamento entro 5 giorni si applica la riduzione del 30%.

Le gomme invernali sono facilmente riconoscibili per la presenza di lamelle nei tasselli per il miglioramento dell'aderenza sul terreno. Presentano poi l'indicazione delle lettere M e S, iniziale di mud e snow ovvero fango e neve. Sono adatte anche in caso di freddo e pioggia perché riducono lo spazio di frenata e assicurano una migliore tenuta di strada. Le catene hanno un'altra concezione d'uso poiché sono utilizzabili solo nel caso di neve e costringono i veicoli a non superare un basso limite di velocità, 50 km all'ora, e si usano solo se c’è neve sulla strada. In caso di controllo occorre dimostrare di essere in grado di saperle montare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il