BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014: saldo Dicembre e seconda rata, calcolo da rifare. I terreni pagano e aliquote riviste ancora una volta da Comuni

Il 16 dicembre scade il termine di pagamento dei saldi Imu e Tasi. In molti Comuni cambiare le delibere ed è nuovo caos calcoli. Cosa fare




AGGIORNAMENTO:  Non solo si devono rifare i calcoli per il saldo come abbiamo spiegato sotto per i dievrsi motivi elencati, ma anche per i terreni (agricoli e non) sono state eliminate le esenzioni nella maggior parte dei Comuni e occore pagare l'IMU a Dicembre. In questo articolo al seguente link diretto tutte le spiegazioni.

Solo poco tempo fa gran parte di contribuenti italiani hanno tirato un sospiro di sollievo dopo il versamento dell’acconto Tasi di ottobre di cui tanto si è parlato e nemmeno il tempo di tranquillizzarsi su calcoli e pagamenti che si torna a parlare di parlare di pagamenti Imu e Tasi. Scade infatti il prossimo 16 dicembre il termine di pagamento del saldo di entrambe le imposte sulla casa, per cui sono stati versati gli acconti lo scorso giugno, e per la Tasi anche lo scorso 16 ottobre.

Chi non avesse versato l’acconto della nuova imposta sulla casa Tasi pagherà in un’unica soluzione il 16 dicembre calcolando la tassa sull’aliquota base dell’1 per mille. Chi invece ha regolarmente versato gli acconti dovrà pagare il saldo, cosa che avrebbe dovuto essere semplice, considerando che si sarebbe dovuto pagare la stessa cifra dell’acconto già pagato, ma ecco che le cose si complicano nuovamente.

Molti Comuni, infatti, hanno deciso di cambiare le aliquote di pagamento Imu e ciò significa che bisognerà rimettere mano ai calcoli per effettuare i giusti versamenti. E Caf e professionisti si ritroveranno sommersi nuovamente di richieste di aiuto da parte dei contribuenti per il calcolo del saldo da versare entro il prossimo 16 dicembre.

Solo nei comuni che non hanno modificato le delibere rispetto al 2013, il saldo sarà esattamente pari all’acconto. Ricordiamo che, esattamente come per l’acconto, l’Imu si potrà versare sia con modello F24 che con bollettino postale. Stesse modalità di pagamento anche per la Tasi. Il 16 dicembre, per la Tasi, si paga il conguaglio dell’imposta versata già in acconto per gli immobili sui quali era dovuta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il