BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, riforma, indulto, amnistia, quota 96, rinnovo contratti statali, Legge Stabilità: novità oggi giovedì 20 Novembre 2014

Confermato il blocco degli stipendi per gli statali nel 2015 e novità questioni governo Renzi in vista del voto della Legge di Stabilità




Riammessi emendamenti per i Quota 96 della scuola, per la riforma pensioni, dalla richiesta di cancellazione delle penalizzazioni per lavoratori precoci che lasciare prima il lavoro, alla proroga dell’opzione contributiva donna per tutto il 2015, all’abbassamento dell’età di accesso alla pensione per il personale ferroviario, e intanto si attendono ancora decisioni sull’anticipo del Tfr in busta paga e sulla riduzione eventuale della tassazione sui fondi pensione, che chiede di portare l’aumento previsto dall’11,5% al 15% e non al 20%, la commissione Bilancio ha dato il via libera all'emendamento alla Legge di Stabilità per ridurre il deficit.

Estesa la reverse charge a ipermercati, supermercati e discount alimentari; esteso poi anche l’emendamento che prevede la stabilizzazione dei precari per la scuola anche per dirigenti scolastici e personale amministrativo oltre che per docenti. Intanto, il ministro del Lavoro Poletti conferma la volontà di aumentare i fondi per gli ammortizzatori sociali.

Resta intanto confermato il blocco di stipendi per gli statali nel 2015 e durante l’incontro di ieri con i sindacati il ministro Madia ha precisati: “La riapertura del contratto è nell'agenda del governo, ma nel 2015 non sono previste in bilancio risorse per i rinnovi contrattuali. C’è un primo impegno che assume il governo: nessuno perderà il posto per effetto della riorganizzazione della Pa. Nessuno andrà a casa”.

Resta intanto ancora aperto il dibattito sulle misure di indulto e amnistia e bloccata la situazione per cui non arrivano ancora decisioni concrete e reali. Nulla neppure sul testo unificato dei quattro ddl sulle misure di clemenza, da alcuni auspicate e da altri, fra cui il premier Renzi, ritenute non risolutive definitivamente di una situazione di emergenza carceraria pesante come quella italiana.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il