BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità partiti con diverse proposte.Cosa c'è di vero o solo illusioni

Nuove proposte di cambiamento riforma pensioni ed emendamenti riammessi in Legge di Stabilità: cosa prevedono e quali potrebbero effettivamente ancora essere approvati




Tornano nella Legge di Stabilità emendamenti alla riforma pensioni nuovamente dichiarati ammissibile, emendamenti che chiedono l’estensione per tutto il 2015 del sistema contributivo donna; l'eliminazione delle penalizzazioni per lavoratori precoci che decidono di andare pensione anticipata fino al 2017; soluzione per il caso dei quota 96 della scuola; soluzioni per esodati e tagli alle pensioni d'oro. Sono diverse le forze politiche che si stanno impegnando in questa direzione, ma, nonostante le speranze di uscita anticipata e sostegno a casi diventati ormai sociali, come esodati e quota 96, secondo le ultime notizie, non sarà facile la loro effettiva approvazione.

Si continua a proporre per cambiare la riforma pensioni attuale e virare verso un sistema pensionistico che sia più flessibile e sostenibile, ma il silenzio del premier Renzi, le dichiarazioni del ministro dell’Economia Padoan e le ultime del ministro Boschi, non fanno certo ben sperare che la situazione effettivamente al momento cambi.

Il ministro Padoan ha chiaramente detto di essere contrario all’abbassamento dell’età pensionabile, il ministro Boschi ha chiaramente spiegato che al momento non sono al vaglio del governo misure specifiche per i pensionati né tanto meno aumenti per le pensioni minime, che potrebbero tornare in discussione forse solo nel 2016, sempre se saranno disponibili le risorse necessarie per mettere in atto tale misura.

E, mentre c’è chi continua ad impegnarsi per cambiare un sistema pensionistico che ha effettivamente bisogno di miglioramenti, c’è chi lancia un referendum di cancellazione totale della riforma pensioni Fornero, la Lega di Matteo Salvini, sostenuta da sindacati, Sel, IdV, pronti a votare favorevolmente se la Corte Costituzionale dichiarerà la legittimità del referendum che ha già ricevuto l’ok dalla Cassazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il