Riforma lavoro: misure ufficiali e le novità Governo Renzi su contratti, assunzioni, licenziamenti dopo modifiche

E’ accordo sulla riforma del lavoro: diritto al reintegro limitato ai licenziamenti nulli e discriminatori ed escluso solo per gravi difficoltà economiche. Le novità

Riforma lavoro: misure ufficiali e le no


Raggiunto l’accordo del Pd sulla riforma del lavoro, il Jobs Act non sarà sottoposto alla fiducia alla Camera, e arrivano cambiamenti su articolo 18, licenziamenti discriminatori e disciplinari, riduzione delle tipologie contrattuali. Partendo dal diritto alla reintegra sul posto di lavoro, sarà una possibilità che rimarrà solo per i licenziamenti discriminatori, come per motivi razziali o religiosi, e solo in alcuni casi per i licenziamenti disciplinari. Non è ancora chiaro, però, in quali casi per il licenziamento disciplinare è possibile il reintegro, visto che l’emendamento parla solo di ‘specifiche fattispecie’. Ulteriori chiarimenti sono attesi nei prossimi giorni.

Per quanto riguarda i licenziamenti economici individuali, effettuati perché per al datore di lavoro il dipendente non serve più, a patto che sussistano gravi difficoltà economiche, è previsto, come riporta il testo, ‘un indennizzo economico certo e crescente con l’anzianità di servizio’. Una volta licenziato, cioè, il lavoratore percepirà qualche mensilità di stipendio.  Queste novità in tema di licenziamenti dovrebbero valere per i lavoratori che saranno assunti con il nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti.

In pratica, ‘per i licenziamenti dovuti a fattori economici resta esclusa la possibilità di essere reintegrati nel posto di lavoro. Inoltre verrà previsto un indennizzo economico certo e crescente con l’anzianità di servizio’. Per i lavoratori che sono già impiegati da aziende che hanno più di 15 dipendenti, dovrebbe continuare a valere la ‘tutela reale’ dai licenziamenti ‘senza giusta causa’ prevista dal vecchio articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Ma il Jobs Act potrebbe portare novità anche per loro.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il