BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: emendamenti molto importanti in Legge Stabilità riammessi. Svolta, nuove speranze

Tornare alle vecchie norme pensionistiche con referendum abrogativo riforma pensioni fornero, ma Pd incalza ancora con proposte in Legge di Stabilità




Sono stati riammessi alcuni emendamenti alla Legge di Stabilità per intervenire sulla riforma pensioni, richieste che puntano ancora una volta a rendere il sistema previdenziale italiano più flessibile con sistemi di uscita anticipata e più sostenibile, richiedendo però anche un aumento delle pensioni minime che, però, certamente non ci sarà da gennaio 2015.

Il ministro Boschi qualche giorno fa ha infatti chiarito che per quanto riguarda gli aumenti delle pensioni minime se ne riparlerà nel 2015, forse anche nel 2016, quando cioè ci saranno le risorse economiche necessarie per tale misura.

Intanto, dopo il ritorno in discussione di proposte che mirano alla cancellazione delle penalizzazioni per i precoci che lasciare il lavori prima dei 62 anni; che chiedono la proroga del contributivo donna nel 2015, la minoranza del Pd, secondo le ultime notizie, pensa a proporre nuovi emendamenti al Senato per chiedere la pensione anticipata con prestito pensionistico, uscita a 62 anni con 35 anni contributivi e una serie di penalizzazioni, o con uscita a quota 100, che deriverebbe dal risultato di età anagrafica sommata all’età contributiva.

Toccherà al Mef l’ultima parola, mentre incalza la sfida con la Lega, e i suoi sostenitori, da sindacati a Sel, IdV, a causa del referendum di abrogazione della riforma pensioni Fornero lanciato prima dell’estate e che ha ricevuto l’ok dalla Cassazione. Se anche la Corte Costituzionale dovesse dichiarare la legittimità del referendum, si procederà al voto nella prossima primavera 2015. E l’obiettivo p il ritorno alle vecchie norme pensionistiche.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il