BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Gomme invernali, pneumatici e catene neve obbligo, nuove regole assicurazioni RC Auto e carta circolazione aggiornamento libretto:

Dall'obbligo di circolazione con gomme invernali alla riforma della RC Auto passando per l'aggiornamento della carta di circolazione: tante novità per gli automobilisti italiani.




Sono tanti i cambiamenti con cui sono alla prese gli automobilisti. Dal 15 novembre è scattato l'obbligo di circolazione con pneumatici invernali o catene a bordo. Riecco poi la riforma della RC Auto. Nulla di nuovo: coloro che faranno installare sulla propria vettura la scatola nera per il tracciamento del comportamento alla guida o la decidono di sottoporla a ispezione preventiva, riceveranno uno sconto sull'importo dell'assicurazione. Infine occorrerà comunicare alla Motorizzazione il nome di chi utilizza per più di 30 giorni un veicolo del quale non è intestatario.

Per quanto riguarda la riforma dell'RC auto, la possibilità di inserire la scatola nera è già contemplata: i costi sono a carico della società di assicurazione e le registrazioni saranno prova in giudizio. In questa pagina sono spiegati tutti i dettagli sull'obbligo di gomme invernali o di avere catene a bordo. Si va presente che per gli inadempienti, la sanzione fuori dal centro abitato va da un minimo di 84 euro a oltre 300 euro; nel centro abitato parte da 41 euro. Sono coinvolti tutti i mezzi a quattro ruote e non i ciclomotori a due ruote, per i quali vige il divieto di circolazione in caso di neve o ghiaccio.

Per quanto riguarda l'aggiornamento della carta di circolazione, per cui rimandiamo a questo articolo di approfondimento, la spesa per il proprietario dell'automobile è i 25 euro ovvero 16 euro di imposta di bollo e 9 euro di diritti di motorizzazione. Non sono interessanti i membri della stessa famiglia, ma lo sono i veicoli aziendali in fringe benefit, le società di autonoleggio, le pubbliche amministrazioni, le flotte aziendali, l'immatricolazione di veicoli con targa Polizia locale. Nel caso di mancata comunicazione, la sanzione minima è pari a 705 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il